2 Dicembre 2020, mercoledì
Home Italia Politica Decreto Ristori-ter: chi può usufruire di sgravi e aiuti

Decreto Ristori-ter: chi può usufruire di sgravi e aiuti

In arrivo una nuova tornata di sospensioni fiscali che il governo sta per mettere in campo per sostenere le imprese e le partite Iva colpite dalle restrizioni anti-Covid. Sospensioni che si allargano a tutta Italia, e riguarderanno le imprese fino a 50 milioni di euro di fatturato che abbiano subìto perdite di almeno il 33 per cento.

In gioco ci sono circa 8 miliardi, divisi fra i circa 6,5 miliardi di maggiori entrate liberate da un inedito scostamento senza deficit aggiuntivo e 1,3 miliardi di fondi stanziati dai precedenti decreti anti-crisi ma ancora non spesi secondo gli ultimi calcoli del Mef. E proprio lo stop ai versamenti fiscali è la strada più sicura, di fatto l’unica praticabile, per mettere 8 miliardi nell’economia nelle poche settimane che mancano alla fine dell’anno. Lo stop riguarderà le imprese fino a 50 milioni di fatturato con perdite di almeno il 33 per cento. Queste misure dovrebbero trovare posto nel decreto Ristori-quater, in programma per la prossima settimana dopo lo scostamento e dopo il “ter” approvato già dal Cdm nella notte tra il 20 e il 21 novembre con l’obiettivo di estendere gli aiuti alle nuove zone rosse e arancioni.

Per le attività in difficoltà, a novembre, accanto alle sospensioni di Iva e ritenute già decise con i decreti precedenti, interviene quindi anche lo stop agli acconti di novembre.

Accanto al calendario ordinario ci sono poi le date extra come quelle collegate alla rottamazione delle cartelle. Su questo terreno il giorno chiave è il 10 dicembre, quando sarebbero chiamati alla cassa tutti i contribuenti che hanno rate pendenti nella sanatoria dei ruoli. L’incasso complessivo atteso è di circa 2,7 miliardi. Ma è forte la pressione, soprattutto da parte del Movimento 5 Stelle e di Leu, per intervenire anche qui.

Da sistemare c’è poi la questione dell’Irap per le imprese in bilico sul tetto degli 800mila euro degli aiuti di Stato. Il governo sta negoziando con la Ue per far entrare in questo secondo limite, più generoso, gli aiuti fiscali. E l’idea, ora, è di prevedere una sospensione per chi ha superato gli 800mila euro fino a tutto febbraio, quando dovrebbe essere chiarito il risultato delle trattative a Bruxelles.

Rimane però aperta la questione della Tari che i Comuni non possono più scontare alle attività chiuse.In fatto di tributi locali ieri è intervenuto anche il premier Conte, in chiusura dell’Assemblea nazionale dell’Anci, lanciando l’ipotesi di uno stop alle tasse e ai canoni per l’occupazione del suolo pubblico anche nel 2021, con l’obiettivo di favorire ristoranti e bar alle prese con gli obblighi di distanziamento sociale.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Austria: Il Governo prende la decisione sugli impianti sciistici

Qualche giorno, vi abbiamo parlato dell’incertezza di aprire gli impianti sciistici in Austria. Dunque è arrivata la temuta decisione. Il governo austriaco...

Atteso il prossimo Dpcm: ecco cosa potrebbe cambiare

Cosa succederà nel prossimo Dpcm? Vediamo cosa potrà succedere. Innanzitutto sia a Natale, Santo Stefano Capodanno e il Primo dell’anno ci sarà...

Silanus, Sardegna: prolungato il lockdown

La Sardegna deve far i conti anche con il lockdown. Silanus, paese in provincia di Nuoro, resterà in zona rossa fino al...

Ecco i film proposti per la serata

Tv8: Tutti insieme per NataleNove: Ultimatum alla TerraCanale 20: Ghost Rider – Spirito di vendettaRai 4: Seven SistersIris: Sentieri SelvaggiRai 5: The...

Commenti recenti