2 Marzo 2021, martedì
Home News Renzi-Merkel, nuovo faccia a faccia: intesa vicina su flessibilità e nomine Ue

Renzi-Merkel, nuovo faccia a faccia: intesa vicina su flessibilità e nomine Ue

Renzi-Merkel, nuovo faccia a faccia: intesa vicina su flessibilità e nomine Ue. L’accordo sulla flessibilità nell’interpretazione del Patto di Stabilità europeo sarebbe a un passo, dopo latensione registrata ieri tra Matteo Renzi e il cancelliere tedesco Angela Merkel. I due leader si sono visti faccia a faccia ieri sera a Ypres (dove si commemorava la città martire della Grande Guerra) e nella mattinata di oggi prima del vertice a Bruxelles: gli incontri sono serviti a ristabilire il giusto clima per portare a casa l’intesa prima di procedere alla definizione delle nomine per Commissione Europea e Eurogruppo.

La parola chiave è appunto flessibilità: il documento che fissa l’Agenda della nuova Commissione preparata dal presidente del Consiglio EuropeoHerman Van Rompuy è stata “limata” come chiedeva il presidente del Consiglio italiano. “Fare il miglior uso della flessibilità” già contenuta nelle regole esistenti del Patto di Stabilità e crescita si legge: è la stessa formula utilizzata nel documento che illustra le conclusioni del vertice Ue.

L’Italia accetterà quindi l’indicazione tedesca del popolare Jean Claude Juncker alla guida della Commissione spuntando maggiori spazi di manovra per gli investimenti sulla crescita a partire dallo scorporo dai vincoli del Patto di Stabilità della quota nazionale di cofinanziamento dei fondi Ue. “Abbiamo ottenuto quanto volevamo: ampi spazi di manovra sul fronte della flessibilità con l’impegno a tenere conto delle riforme strutturali e la possibilità di sviluppare strumenti finanziari per progetti di investimenti nel lungo periodo”. Così ha spiegato la situazione Sandro Gozi, responsabile delle politiche Ue.

Quanto alle nomine, l’Italia chiede un suo rappresentante quale ministro degli Esteri Ue (Federica Mogherini), non ci sono altre opzioni che pure erano state ventilate. Restano intatte tutte le perplessità del leader britannico James Cameron sul nome di Jean Claude Juncker.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Rincaro benzina, allarme dei consumatori

Non si arrestano rialzi della benzina, in una curva ascendente ormai ininterrotta da novembre. Secondo i dati del ministero dello Sviluppo economico,...

Coronavirus, verifiche dei Nas nei bar degli ospedali: irregolari uno su 3

In un bar su 3 all'interno degli ospedali italiani sono state riscontrate irregolarità. E' quanto hanno accertato i Carabinieri del Nas in...

Viaggi: consigli da seguire

Quando finalmente, si potrà ritornare a viaggiare e lo farete in macchina, se ne affronterete uno lungo, guidatori o no, eccovi qualche...

Festival di Sanremo, 1° serata: cantanti e ospiti

Stasera, come bene sappiamo inizierà la prima puntata del Festival di Sanremo, ma chi si esibirà? Chi saranno i primi 13? Eccoli,...

Commenti recenti