26 Settembre 2022, lunedì
Home Consulente di Strada Chiamata alle armi: da che età e fino a che età

Chiamata alle armi: da che età e fino a che età

L’articolo 52 della Costituzione coinvolge tutti gli italiani nella salvaguardia del Paese. Dice la norma costituzionale: «La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino». Ciò vuol dire che, nel malaugurato caso in cui l’Italia venisse attaccata militarmente, è possibile chiamare i cittadini alle armi per difendere la sicurezza della Nazione.

Se, invece, venisse attaccato un paese alleato, appartenente alla Nato, verrebbero coinvolti i militari professionisti, ovvero i membri delle Forze armate. Per «attacco armato» non si intende solo un attacco territoriale, ma anche quello compiuto «contro le forze, le navi e gli aeromobili che si trovino su questi territori o in qualsiasi altra regione d’Europa o nel mare Mediterraneo».

La chiamata alle armi può interessare diverse categorie di cittadini, sia coloro che hanno svolto il servizio militare quando era obbligatorio ma anche giovani e adulti di mezza età. Inoltre, anche le donne possono ricevere la chiamata alle armi.

Nel nostro Paese, la leva obbligatoria è stata abolita nel 2004, per chi è nato dal 1° gennaio 1986 in poi. Significa che dal 1° gennaio 2005 non c’è più il dovere di fare il servizio militare. C’è la possibilità di arruolarsi come volontario da uno a quattro anni, dopodiché si decide se rimanere nel Corpo di appartenenza o di partecipare ad un concorso per entrare nelle forze di Polizia. Un’ulteriore alternativa è il congedo.

Tuttavia, è possibile ripristinare la leva obbligatoria in due casi:

  • se l’Italia entra in guerra, così come stabilito dall’articolo 78 della Costituzione;
  • in caso di «grave crisi internazionale» che coinvolge direttamente l’Italia o un paese alleato appartenente alla Nato.

Per ripristinare la leva obbligatoria, il personale a disposizione dovrebbe essere considerato insufficiente. Verrebbero richiamati alla armi in primis i volontari in ferma, che hanno sospeso il loro servizio da non più di cinque anni e tutti i cittadini compresi nella fascia d’età dai 18 ai 45 anni. La regola prevede un’eccezione: chi ha un passato nelle Forze armate può essere richiamato in caso di necessità o su apposita domanda fino al 56° anno di età (qualche volta anche oltre).

Rispondere alla chiamata alle armi è obbligatorio; solo gravi motivi di salute o la gravidanza per le donne potrebbero impedire l’arruolamento.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Italia Under 21, contro il Giappone in amichevole arriva solo un pari

A cura di Luigi Rubino Finisce 1 a 1 la seconda amichevole dell’Under 21 disputata a Castel di Sangro contro il Giappone. Gara...

Incidente per portiera auto aperta: conseguenze

Prima di tutto, bisogna sapere che chi si mette alla guida di un veicolo deve prestare sempre la massima attenzione.La presunzione di...

Cosa valuta il perito per il mutuo?

Bisogna sapere che il perito del mutuo valuta anche il valore commerciale dell’immobile sotto altri aspetti: il luogo in cui è collocato,...

Quali sono i scontrini detraibili?

Se vi siete chiesti quali sono i scontrini detraibili, ebbene sono detraibili gli acquisti che presentano sullo scontrino le seguenti diciture:Farmaco oppure...

Commenti recenti