27 Luglio 2021, martedì
Home News Il cantiere chiude. Per corruzione

Il cantiere chiude. Per corruzione

L’ombra della corruzione copre un cantiere? La stazione appaltante dovrà procedere alla «risoluzione del contratto», nell’ambito di una «rivoluzione copernicana» che porterà ad applicare gli stessi strumenti della disciplina antimafia. E un ruolo importante lo avranno le prefetture (già «presidio di legalità») in cui, in base al decreto 90/2014 sulla pubblica amministrazione all’esame del Parlamento, «confluiranno tutte le articolazioni periferiche del governo». Il punto di partenza di un’azione di contrasto ai fenomeni corruttivi è nel protocollo d’intesa firmato ieri, al Viminale, dal titolare Angelino Alfano e da Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac); all’indomani delle inchieste giudiziarie sui lavori dell’Expo 2015 a Milano e del Mose a Venezia, vengono poi messe nero su bianco linee guida per orientare l’operato dei prefetti a sostegno dell’organismo guidato dal magistrato e degli enti locali sul fronte dei piani contro gli illeciti e per la trasparenza negli appalti, agevolando «la piena attuazione» della legge Severino (190/2012).  Prevenire, dunque, prima che curare le infiltrazioni nei cantieri è la «ratio» dell’iniziativa, racchiusa nell’art. 32 del dl 90: altolà a contratti in presenza di fatti che hanno determinato «ricadute penali, o sono comunque suscettibili di palesare significativi e gravi discostamenti rispetto agli standard di legalità e correttezza» (reati contro la p.a. ma anche truffa aggravata, riciclaggio, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture, o altri documenti per operazioni inesistenti, distruzione di documenti contabili finalizzata all’evasione fiscale e delitti di false comunicazioni sociali) e interventi efficaci, affinché non «ne risentano i tempi di esecuzione della commessa pubblica». Secondo il ministro dell’interno, la novità sta nell’aver equiparato il trattamento dei corrotti a quello dei mafiosi, con le medesime misure di prevenzione e sequestro dei beni, poiché una gara truccata va considerata «un attentato alle leggi del mercato in grado di alterarne gli equilibri» visto che non è più «regolatore nelle scelte delle migliori offerte» per svolgere l’incarico. Cantone osserva che è necessario il soggetto incriminato non ricavi «vantaggi economici dell’appalto illecitamente assegnato», pertanto il prefetto agirà per far proseguire l’opera pubblica escludendo colui che, attraverso concussione e corruzione, si era procacciato il contratto.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Per Governo e Quirinale si profilano tre schemi, ma è un gioco tutto aperto

Ci sono almeno tre schemi sui tavoli della politica italiana, e non solo, che disegnano il futuro istituzionale del nostro Paese. I...

Roghi in Sardegna, due focolai ancora attivi.

Sono ancora attivi, ma la situazione sembra essere sotto controllo, due fronti del gigantesco rogo che nelle ultime ore ha devastato il...

Tokyo 2020, la 4 x 100 sl è d’argento: staffetta nella storia

'Italia conquista l'argento alle Olimpiadi di Tokyo 2020 con la staffetta 4x100 stile libero maschile, seconda in finale con il nuovo record...

Afghanistan: migliaia in fuga dai combattimenti a Kandahar

Oltre 22 mila famiglie afghane hanno abbandonato le loro case per sfuggire ai combattimenti nell'ex bastione talebano di Kandahar, hanno affermato oggi...

Commenti recenti