30 Novembre 2022, mercoledì
Home Viaggi & Cucina Food&Wine Italia Awards 2022, tutti i premiati della terza edizione

Food&Wine Italia Awards 2022, tutti i premiati della terza edizione


COMUNICATO STAMPA

Food&Wine Italia Awards 2022, tutti i premiati della terza edizione
Chi sono i talenti under 35 dell’universo enogastronomico italiano

 La premiazione a Firenze all’interno di The Stellar, quello che fu il Granaio dell’Abbondanza dei Medici.

La giuria di giornalisti ed esperti di settore ha decretato Giorgio Pignagnoli Best Chef,
Christian Marasca Best Pastry Chef, Jacopo Mercuro Best Pizza Chef, Martina Bonci Best Bartender,
Pascal Tinari Best Maître e Sommelier, Chiara Condello Best Winemaker.
Premiati Flaviano Capriotti Architetti e Ristorante Andrea Aprea per l’Interior Design, Sabadì per il Packaging, Hotel Signum per la Migliore Esperienza Enogastronomica in Hotel, Giovani Pastori per l’Innovazione nel Cibo, AIW – Association for the Integration of Women per la Responsabilità Sociale nel Cibo, con il progetto Roots, Sfusobuono per l’Innovazione nel Vino, Salcheto per la Responsabilità Sociale nel Vino.

New entry il premio al Miglior Panino d’Autore, conferito a ‘Ino di Alessandro Frassica.

Firenze, 24 ottobre 2022 – I più talentuosi professionisti under 35 dell’enogastronomia italiana premiati a Firenze: si è svolta domenica 23 ottobre la terza edizione dei Food&Wine Italia Awards, l’iniziativa che celebra i nomi più promettenti del settore. Durante la serata ospitata da The Stellar, ristorante e cocktail bar all’interno dello spazio multifunzionale e hub di innovazione Nana Bianca, in quello che fu il Granaio dell’Abbondanza della famiglia Medici, e presentata da Tinto sono stati premiati come di consueto anche le aziende e i progetti più virtuosi legati all’innovazione, alla responsabilità sociale, alla sostenibilità e al design nel mondo del cibo, del vino e dell’hôtellerie. La novità di quest’anno è il riconoscimento alla proposta più convincente nel mondo del pane farcito.

«A due anni dalla prima edizione, questa continua a essere un’occasione per fare il punto su quanto di più interessante accade in Italia nel settore del cibo, del vino e della ristorazione – dichiara Federico De Cesare Viola, Direttore Responsabile di Food&Wine Italia –. Siamo orgogliosi di dare spazio a giovani professionisti che non hanno paura di cambiare le regole e tentare nuove strade, di premiare aziende all’avanguardia e altri progetti virtuosi che dalla tavola si allargano a molti altri ambiti, dalla responsabilità sociale al design, e questo resta sempre un momento di festa. Siamo stati particolarmente felici di aver condiviso la serata con amici e colleghi che da tutta Italia ci hanno raggiunti a Firenze, città che, dopo Milano nel 2020 e Roma lo scorso anno, abbiamo scelto per continuare la tradizione itinerante degli Awards. Oggi nessuna o poche destinazioni italiane hanno una scena così vibrante e in fermento».

A decretare i vincitori dell’edizione 2022 una giuria di esperti e stampa di settore, capitanata dalla redazione della rivista Food&Wine Italia, l’edizione italiana del celebre magazine statunitense lanciato nel 1978 e oggi pubblicato da Meredith Corporation. Alla serata ha partecipato anche la redazione americana tornata in Italia per l’occasione tra cui Melanie Hansche, Deputy Editor di Food&Wine. Proprio lei, chiamata sul palco dal Direttore Responsabile Federico De Cesare Viola, ha raccontato le inedite origini della rivista, nata come inserto gastronomico di Playboy, e in seconda battuta ha commentato i loro ultimi Food&Wine Best New Chefs: «Dal 1988 anche i nostri premi sono basati su un rigoroso processo di valutazione e scouting. Non ci sono, in realtà, limitazioni sull’età e molti hanno più di quarant’anni – dichiara Melanie Hansche –. Tra i criteri, essere executive chef nello stesso ristorante da almeno cinque anni, avere delle idee valide e un menu distintivo. Non valutiamo solo quello che c’è nel piatto: creatività, innovazione e sapori sono importanti, ma quello che cerchiamo sono dei leader, fuori e dentro la cucina. Teniamo molto anche all’empatia con lo staff e al senso di comunità tra le persone per un’industria della ristorazione che punti a un futuro più radioso ed equo per i lavoratori».

Questi i vincitori Under 35 nelle rispettive categorie:

Best Chef

Giorgio Pignagnoli, Nove di Villa della Pergola (Alassio)

in collaborazione con Monograno Felicetti

Best Pastry Chef

Christian Marasca, Zia Restaurant (Roma)

in collaborazione con Consorzio dell’Asti e del Moscato Docg

Best Pizza Chef

Jacopo Mercuro, 180grammi (Roma)

in collaborazione con Ooni

Best Maître e Sommelier

Pascal Tinari, Villa Maiella (Guardiagrele)

in collaborazione con Coravin

Best Bartender

Martina Bonci, Gucci Giardino 25 (Firenze)

in collaborazione con Bonaventura Maschio

Best Winemaker

Chiara Condello (Predappio)

in collaborazione con Coravin

Introdotta anche una new entry tra i premiati: il Miglior Panino d’Autore, conferito in collaborazione con Salumificio F.lli Coati a ‘Ino, il localefiorentino di Alessandro Frassica, tra i pionieri del panino all’italiana e ancora oggi un modello insuperato in costante evoluzione.

«È da tutta la vita che mi dicono “Ah, ma tu sei quello del panino!” – commenta Marco Bolasco, Direttore Divisione Non Fiction di Giunti Editore, giornalista e giurato ai Food&Wine Italia Awards, che conduceva proprio una trasmissione sul panino, anticipando la grande attenzione nei confronti di questo cibo popolare ma in continua evoluzione –. Era un modo per portare un contenuto interessante in una forma sicuramente diversa dalla proposta dello chef. Il premiato di stasera è stato un innovatore della materia ed è riuscito a costruire a livello imprenditoriale questo discorso: il panino, non è altro che una forma di design all’interno della quale ci può essere di tutto. La lungimiranza di Alessandro Frassica risiede proprio nel legare creatività e identità».

Ma i Food&Wine Italia Awards non vanno a caccia solo dei migliori talenti individuali: in partnership con Treccani AccademiaScuola Politecnica di Design e Lonely Planet magazine Italia, sono state individuate le realtà più ambiziose per l’interior design, il packaging, la migliore esperienza enogastronomica in hotel, l’innovazione e la responsabilità sociale nel cibo e nel vino. Ecco qui i premiati: 

Best Interior Design

Flaviano Capriotti ArchitettiRistorante Andrea Aprea (Milano)

in collaborazione con Scuola Politecnica di Design

Best Packaging

Sabadì

in collaborazione con Scuola Politecnica di Design

Migliore Esperienza Enogastronomica in Hotel

Hotel Signum,(Salina)

in collaborazione con Lonely Planet magazine Italia

Innovazione nel Cibo

Giovani Pastori – SNAP Scuola Nazionale di Pastorizia

in collaborazione con Kellerei Kaltern

Responsabilità Sociale nel Cibo

AIW – Association for the Integration of Women, Progetto Roots, (Modena)

in collaborazione con Kellerei Kaltern

Innovazione nel Vino

Sfusobuono

in collaborazione con Treccani Accademia

Responsabilità Sociale nel Vino

Salcheto, (Montepulciano)

in collaborazione con Treccani Accademia


La premiazione è stata preceduta da un aperitivo a cura di Consorzio dell’Asti e del Moscato Docg e dell’executive chef di The Stellar Luigi Bonadonna che per l’occasione ha realizzato una sfera di baccalà mantecato. Al termine della cerimonia alcuni dei premiati e degli sponsor hanno proposto assaggi e brindisi: Giorgio Pignagnoli (Best Chef) ha preparato i fusilli Monograno Felicetti, arancia, carota, limone, cicoria e vadouvan; Jacopo Mercuro (Best Pizza Chef) ha fritto i supplì al telefono e i noodles e teriyaki allo yuzu; Alessandro Frassica (Miglior Panino d’Autore) ha farcito del pane toscano con il prosciutto cotto Lenta Cottura di Salumificio F.lli Coati, gorgonzola dolce al cucchiaio, salsa “pepedoro”; Christian Marasca (Best Pastry Chef) ha impiattato l’apprezzatissimo tourbillon con frolla sablé, frangipane, pralinato alle mandorle e chantilly in carta da Zia Restaurant.

In accompagnamento, il cocktail creato ad hoc da Martina Bonci (Best Bartender) in collaborazione con Bonaventura Maschio, un twist sul Negroni che diventa un “Viaggio ai Tropici” dedicato a Firenze; i vini di Kellerei Kaltern, di Consorzio dell’Asti e del Moscato Docg e acqua Orsini.

I Food&Wine Italia Awards 2022 sono stati possibili grazie al contributo di Bonaventura Maschio, Salumificio F.lli Coati, Consorzio dell’Asti e del Moscato Docg, Coravin, Kellerei Kaltern, Monograno Felicetti, Ooni. Si ringraziano i partner accademici Treccani Accademia e Scuola Politecnica di Design e gli sponsor tecnici Acqua Orsini e 25hours Hotel Firenze.

Info: redazione@foodandwineitalia.com

#foodandwineitalia #fwiawards22

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Ischia: In aiuto il Comune di Sorrento

A cura di Ionela Polinciuc La tragedia che ha colpito Ischia mette in ginocchio ancora una volta il Sud.

La guerra ed i rincari

A cura di Marilena Lombardi Il 20 febbraio 2022 segna la data di inizio della guerra tra Russia ed...

Inflazione stabile a novembre

A cura di Ionela Polinciuc Secondo le stime provvisorie per il mese di novembre resi noti proprio oggi dall'Istat,...

I programmi in tv oggi, 30 novembre 2022

Vediamo insieme cosa ci propone la programmazione televisiva di mercoledì 30 novembre 2022 FILM Rai Due...

Commenti recenti