17 Maggio 2022, martedì
Home Mondo Economia nel Mondo Inflazione e mercati

Inflazione e mercati

 A cura di Eleonora Miranda 

Per la prima volta dal febbraio 2020, il covid non è più il rischio principale percepito dai mercati. A dirlo è il report di Bofa, Global Fund Manager Survey, che illustra il risultato del sondaggio condotto a livello globale e regionale, tra 226 gestori di fondi sul sentiment di mercato. Per gli asset manager ora la fonte principale di rischio che può causare una forte frenata alla corsa dei mercati è l’inflazione (per il 37% degli intervistati), seguito a stretto giro dalla possibilità di assistere a un nuovo taper tantrum (35%).L’aumento dei tassi da parte della Fed è atteso non prima del febbraio 2021. Tuttavia il sell-off sul Treasury americano ha portato i tassi sul decennale a orbitare intorno al 1,5%. Un’ulteriore crescita dei tassi potrebbe creare tensioni sui mercati. Per gli intervistati un tasso del decennale al 2% potrebbe causare una correzione delle borse nell’ordine dei dieci punti percentuali o più, mentre se arrivasse al 2,5% le obbligazioni diventerebbero più attraenti delle azioni.

Al netto di questi rischi, il sentiment rimane estremamente positivo. Per il 91% degli intervistati l’economia è in forte espansione e continuerà ad esserlo sulla scia di campagne vaccinali che per il momento si stanno rivelando efficaci. Per questo molti si sono convinti della rapidità del recupero: per il 41% la ripresa infatti sarà a V. Un livello decisamente elevato, se confrontato con il 10% dello scorso maggio. Alla luce di questo ottimismo sempre più cio, il 53%, vorrebbero che i ceo aumentassero gli investimenti, piuttosto che migliorare i bilanci (30%).

Il BofA Bull & Bear indicator, che sulla base di diversi parametri segnala il sentiment del mercato, questo mese si è attestato a 7,2, un livello che segnala un grande ottimismo, e comunque sotto 8, soglia di attenzione che identifica un mercato troppo rialzista (lo scorso mese tale indicatore era a 7,7). Solo il 15% pensa che il mercato sia in bolla, mentre il 55% è convinto il mercato nella fase finale del ciclo rialzista, contro il 25% che crede che invece si è ancora in una fase iniziale.

A livello di asset allocation, la liquidità ottimale dovrebbe rimanere a una quota marginale di portafoglio: non più del 4%. Le allocazioni su materie prime hanno invece raggiunto massimi storici, mentre le azioni continuano ad essere da preferire rispetto alle obbligazioni, la cui esposizione è da sottopesare. Al momento le operazioni si concentrano sull’acquistare azioni tech, azioni a vocazione esg e bitcoin. Tuttavia, una sovraesposizione alla componente tech così bassa non si vedeva dal 2009. Al contrario, le esposizioni su banche e energia sono rispettivamente al loro livello più alto dal marzo e dal novembre 2018.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Oroscopo martedi 17 maggio 2022

                             Ariete (21 marzo-19 aprile)

Serie A: Cagliari-Inter 1-3, nerazzurri restano a -2 dal Milan

L'Inter ha battuto il Cagliari 3-1 nel posticipo serale della 37/a giornata della Serie A. I nerazzurri, a quota...

La Finlandia chiede di entrare nella Nato, la Svezia lo farà martedì. Turchia: ‘Stop al sostegno al Pkk’

La Finlandia ha chiesto ufficialmente l'ingresso nella Nato: "E' una nuova era si apre", dice il presidente Niinisto. Per...

Governo: Letta e Conte blindano Draghi ma l’Ucraina divide la maggioranza

Malgrado l'appello all'unità del leader del Pd, che si sente sicuro che la maggioranza arriverà alla fine della legislatura, nella compagine di...

Commenti recenti