26 Ottobre 2021, martedì
Home TV & Gossip Roberto de Wan Arte e moda a confronto

Roberto de Wan Arte e moda a confronto

Il giorno 23 febbraio, inizio della fashion week milanese 2021, ha avuto luogo “Women Anyway” durante il quale Roberto De Wan, artista, stilista e fashion designer ha esposto, oltre ad alcune delle sue opere del 2020, la propria collezione presso la Galleria Antonio Battaglia, il connubio perfetto tra arte e moda. L’evento si è tenuto in linea con le attuali disposizioni sanitarie ed è stata resa disponibile tramite videochiamata Whatsapp.

La creatività di Roberto de Wan è stata subito riconosciuta in quanto figlio di una famiglia di creativi, a partire dalla nonna Erika De Wan fondatrice della gioielleria De Wan. Egli ha avuto l’onore di frequentare, dall’età di 14 anni fino all’età di 18, l’atelier del pittore surrealista-fantastico Pontecorvo, pittore e docente italiano, dal quale ha appreso il nudo e il ritratto. Roberto De Wan si avvicina alla moda in quanto erede dell’attività De Wan inaugurata nel 1955 a Torino da Erika De Wan; nel 1988, Roberto De Wan apre la boutique De Wan nel Quadrilatero della Moda di Milano in cui si possono trovare borse in vera pelle Made in Italy, foulard e sciarpe, gioielli in oro e argento bijoux, occhiali da sole e molti altri prodotti. Egli afferma che l’evoluzione che ha caratterizzato il suo negozio è stato un aspetto fondamentale per la salvezza della sua boutique, soprattutto in questo periodo di sofferenza economica.

La collezione 2021-2022, presentata alla Galleria Antonio Battaglia, completamente Made in Italy, include dei soprabiti “haute couture” di Matilde Zani, realizzati con tessuti di Mario Boselli, e i gioielli di Maria Vincenza Giacobbe, il tutto accompagnato dai dipinti dell’artista che vede come protagonista e fonte d’ispirazione la figura femminile con richiami alla mitologia classica e alla Divina Commedia di Dante Alighieri. De Wan ha realizzato opere polimateriche, ovvero, quadri in cui sono inseriti materiali solitamente utilizzati per la realizzazione di capi d’abbigliamento come tessuti e pelle, anche i colori sono un impasto composto di acrilico, olio e tinture per i tessuti. Un ulteriore aspetto essenziale per De Wan è la democratizzazione della moda, il cosiddetto Lusso Sostenibile, realizzabile grazie ad un prezzo sostenibile ed accessibile a molti che in questo caso corrisponde anche a un’elevata qualità dei prodotti.

Ciò che differenzia l’arte dalla moda, secondo De Wan, è che l’arte è libertà, mentre il fashion necessita molto più rigore sia nella progettazione che nella selezione dei materiali; inoltre, la moda è effimera, assume un significato limitato nel tempo, l’arte invece, afferma Roberto De Wan, non si misura a stagioni, ma è più simile a un vino, si misura a lustri ed è ciò che potrebbe maggiormente avvicinarsi al sempiterno. Oggi vi è un concetto di moda molto più veloce e i prodotti, anche se in grado di durare anni, vengono sostituiti molto velocemente in base al periodo, ai gusti e al passaggio delle stagioni: ciò rappresenta il modus vivendi di oggi.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Pensioni, vertice Draghi-sindacati. Pressing della Lega

Ieri Salvini dal premier: Carroccio al lavoro per no a ritorno Fornero. Manovra di bilancio 2022. Il premier, Mario...

Come nasce il Fascicolo sanitario elettronico, quali sono punti forti e punti deboli?

«Il mio punto di vista è quello di medico clinico. Il FSE nasce primariamente per rispondere aesigenze amministrative, e solo in seconda battuta per essere...

Un caprino vaccino

«Ieri ho chiesto un "formaggio caprino" per mia moglie, che mal sopporta il latte vaccino, ma leggendo poi l'etichetta ho scoperto che...

Piero Sardo Viscuglia: ‘’Il Premio Wilde ci sta dando grosse soddisfazioni’’

A cura di Ionela Polinciuc Piero Sardo Viscuglia, il Segretario generale della Dreams Entertainment e co-coordinatore dei progetti Cultura...

Commenti recenti