25 Febbraio 2021, giovedì
Home Consulente di Strada Quali attività costrette a chiudere per emergenza sanitaria da Coronavirus?

Quali attività costrette a chiudere per emergenza sanitaria da Coronavirus?

|Consulente di strada

a cura di Prof. Avv. Giuseppe Catapano

  • Coronavirus: chi deve chiudere ?

Di seguito le chiusure disposte dal Dpcm:

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 sono sospese:

– le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessita’ (individuate nell’allegato 1), sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività.
Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.
Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie.
Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
– sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto.
Restano, altresì aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
– sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) (fatta eccezione per quelle, poche, previste nell’allegato 2).
– restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonchè l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.
Chi rimane aperto deve comunque assicurare “lo svolgimento in via ordinaria delle prestazioni lavorative in forma agile del proprio personale dipendente, anche in deroga agli accordi individuali e agli obblighi informativi di cui agli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81”.
La chiusura è disposta a partire da oggi 12 marzo 2020 e sino al 25 marzo 2020.
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Roma, attimi di paura per una babysitter e una bimba

Qualche giorno fa, nel centro di Roma, a pochi passi dal Colosseo, una bimba di 4 anni è stata ‘prelevata’ da una...

Islanda, scosse di terremoto: non si registrano danni

Nella giornata di ieri si sono verificate una serie di forti terremoti in quasi tutta l'Islanda sudoccidentale arrivando alla Capitale Reykjavik, fortunatamente...

Prelievi Bancomat, aumenta la commissione? L’Antitrust indaga

L'Antitrust ha avviato un'indagine sulle nuove regole che Bancomat Spa intende applicare al sistema delle commissioni per chi preleva contanti dagli sportelli...

Champions. Atalanta, finale amaro

Altre due gare per chiudere l'andata degli ottavi di finale di Champions League. L'Atalanta, in 10 per quasi tutta la partita, regge...

Commenti recenti