17 Aprile 2021, sabato
Home News Semplificazioni fiscali costose

Semplificazioni fiscali costose

Semplificazioni fiscali costose. Gli interventi varati dal governo in attuazione della delega devono essere a saldo zero. Ma alcuni di questi potrebbero non rivelarsi tali. O perché generano ulteriori oneri di funzionamento della macchina amministrativa, o perché potrebbero far calare il gettito. È quanto rilevano i tecnici della camera nel dossier di verifica delle quantificazioni sullo schema di dlgs proposto dal governo. A finire maggiormente nel mirino del Servizio bilancio di Montecitorio è proprio la misura più innovativa (e forse più ambiziosa) contenuta nel provvedimento sulle semplificazioni fiscali approvato da palazzo Chigi lo scorso 20 giugno: la dichiarazione dei redditi precompilata. Si tratta cioè del modello 730 che, in via sperimentale, a partire dal 2015 l’Agenzia delle entrate dovrà recapitare a lavoratori dipendenti e assimilati, nonché ai pensionati, i quali avranno facoltà di accettare o modificare le informazioni contenute. Il tutto senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. La relazione tecnica del governo evidenzia infatti che sia l’unità di monitoraggio sia gli investimenti hardware e software necessari alla gestione, trattamento ed elaborazione dei dati rientreranno nei limiti di spesa già previsti, attraverso una redistribuzione delle risorse.
Una teoria che però non convince appieno i tecnici della camera. «Appaiono necessari chiarimenti», si legge nel dossier, «in quanto l’esercizio di nuove funzioni non previste a normativa vigente, se effettuato con risorse già disponibili, potrebbe comportare difficoltà sul piano operativo nello svolgimento di altre attività dell’Agenzia delle entrate». Perplessità pure sull’ipotesi di compensare eventuali nuovi oneri non preventivabili con i risparmi di gestione derivanti dalla rideterminazione dei compensi spettanti agli intermediari. I primi, infatti, «potrebbero determinarsi nella fase di avvio e predisposizione delle dichiarazioni precompilate», mentre gli eventuali benefici «potrebbero conseguirsi solo nelle annualità successive».

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Europa League. Roma, è semifinale!

La Roma è in semifinale di Europa League. Dopo 180 minuti, tra andata e ritorno, i giallorossi (per la sesta volta nella...

Giudicate Voi, domenica 18 aprile in onda la tredicesima puntata

Domenica 18 aprile in onda una nuova puntata di “Giudicate Voi.” Giudicate voi è il talk show di approfondimento...

Giovannini: “50 miliardi per trasporti e infrastrutture, metà al Sud”

Il ministro dei Trasporti e delle mobilità sostenibili Enrico Giovannini sostiene: “nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture...

Varate le linee guida delle regioni per le riaperture

Le Regioni propongono le regole per far ripartire il Paese, anche nelle zone rosse. Le linee guide per la riapertura delle attività...

Commenti recenti