30 Novembre 2022, mercoledì
Home News Google pagherà quasi 400 milioni di dollari per risolvere l'indagine di localizzazione

Google pagherà quasi 400 milioni di dollari per risolvere l’indagine di localizzazione

A cura di Ionela Polinciuc

Google di Alphabet (GOOGL. O) pagherà 391,5 milioni di dollari per risolvere le accuse di 40 stati secondo cui il gigante della ricerca e della pubblicità ha tracciato illegalmente le posizioni degli utenti, ha detto lunedì scorso l’ufficio del procuratore generale del Michigan.

L’indagine e l’accordo, che è stato guidato da Oregon e Nebraska, è un segno di crescenti mal di testa legali per il gigante della tecnologia da parte dei procuratori generali dello stato che hanno preso di mira in modo aggressivo le pratiche di tracciamento degli utenti dell’azienda negli ultimi mesi.

“Google ricava la maggior parte delle sue entrate dall’utilizzo dei dati personali di coloro che effettuano ricerche nei suoi browser e utilizzano le sue app”, ha detto Nessel in una dichiarazione lunedì 14 novembre. “La portata online dell’azienda consente di rivolgersi ai consumatori senza la conoscenza o il permesso del consumatore”.

L’indagine multistato, guidata dall’Oregon, è stata innescata da un articolo dell’Associated Press del 2018 che riportava che Google “registra i tuoi movimenti anche quando gli dici esplicitamente di non farlo”, secondo la dichiarazione, che citava problemi con due impostazioni dell’account Google: Cronologia delle posizioni e Attività web e app.

I procuratori generali hanno indagato sulle pratiche di Google tra il 2014 e il 2020, sostenendo che la società ha violato le leggi statali sulla protezione dei consumatori che impediscono alle aziende di ingannare intenzionalmente e fuorviare gli utenti. Gli stati hanno affermato che la società del motore di ricerca ha confuso gli utenti sulla portata dell’impostazione della cronologia delle posizioni e sui modi per limitare il tracciamento della posizione di Google nei loro account e dispositivi.

Google ha accettato di essere più trasparente su come raccoglie i dati sulla posizione, alcuni dei quali la società afferma essere già stati fatti. Google ora deve spiegare quando un’impostazione dell’account è attiva o disattivata, divulgando chiaramente le informazioni chiave sui servizi di localizzazione e pubblicando un popup che indirizza le persone a un sito Web per ottenere maggiori informazioni sul tipo di dati sulla posizione raccolti e su come vengono utilizzati.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Il disturbo post traumatico da stress: testimonianza di una ragazza

A cura di Marilena Lombardi Il disturbo post traumatico da stress (PTSD) è una forma di disagio che si...

Alla scoperta di Praga

A cura di Ionela Polinciuc Considerata una delle città più belle d’Europa. Attraversata dal fiume Moldava, la città si...

Mobbing: la persecuzione psicologica sul lavoro

A cura di: DI MAMBRO DOLORES- DOCENTE E PEDAGOGISTA “Sei un incapace, non andrai da nessuna parte se lavori in questo...

Tragedia Ischia: Adesso indaga la Procura

A cura di Ionela Polinciuc A poche ore dalla tragica e devastante colata di fango e massi che ha...

Commenti recenti