24 Settembre 2021, venerdì
Home Italia Cronaca Scuola: presidi, obiettivo minimo è 60% degli studenti vaccinati

Scuola: presidi, obiettivo minimo è 60% degli studenti vaccinati

“Aderiamo alla richiesta del Cts, ovvero di perseguire l’obiettivo del 60% degli studenti tra i 12 e i 19 anni vaccinati. Poi parlare di obbligo per i minori è chiaro che è inopportuno”.

Lo ha detto Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi (Anp).
“Abbiamo circa 4 milioni di ragazzi in quella fascia d’età – ha aggiunto – e il 60% è 2,4 milioni e se ci limitiamo solo alle scuole superiori, che presentano i maggiori problemi di distanziamento, scendiamo a 2 milioni”. 

“L’obiettivo di tutti deve essere quello del ritorno della scuola in presenza.  Il problema è passare dalle parole ai fatti. La politica ha difficoltà a prendere una decisione sull’obbligo di vaccinazione per il personale scolastico. Questione che tratterei per tutti i servizi pubblici. I dipendenti devono essere vaccinati, se non lo fanno non ci saranno conseguenze disastrose ma queste persone non potranno aver contatto con gli utenti” ha detto Antonello Giannelli, presidente dell’Anp.

L’idea di far svolgere la quarantena in Dad ai non vaccinati in caso di un positivo in classe come deciso in Francia “è un’ipotesi percorribile ma prima devono cambiare il protocollo sanitario della gestione delle quarantene, elaborato dall’Iss, che risale all’anno scorso” dice il presidente dell’Anp.

Per il sottosegretario alla salute Sileri per il momento non serve l’obbligo vaccinale per docenti e studenti in vista del rientro a scuola. Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri intervenendo a SkyTg24. “Il numero di insegnanti non vaccinati è esiguo, e concentrato in poche regioni – ha spiegato – i docenti in gran parte vanno a vaccinarsi per la propria tutela. Se si procede con un ritmo importante con la campagna no è necessario un obbligo”. Ancora meno giustificato, ha aggiunto, sarebbe un obbligo per gli studenti. A scuola, secondo Sileri, si tornerà tuttavia con la mascherina. “Per i soggetti adulti poteva essere valutato se la copertura della vaccinazione fosse stata molto bassa ma non lo è, sta andando molto bene. Non metterei però l’obbligo per i più giovani”. Sileri sottolinea che il vaccino è sicuro, ma “la mia affermazione nasce dalla necessità di coinvolgere un’adesione volontaria, un obbligo determinerebbe ulteriori fratture di cui non abbiamo bisogno. Convincere le persone soprattutto nella fascia 12-17 anni – afferma – è molto più importante. Io i miei figli li vaccinerei senza pensarci due volte, la fiducia però si ottiene con il dialogo”. A scuola secondo Sileri si tornerà con la mascherina. “Sicuramente ci sarà ancora la mascherina, noi dobbiamo tendere ad una ripartenza frontale ma è una sfida. Tre mesi fa, senza la variante, avrei detto di sì, ma ora è un lavoro molto duro, ce la metteremo tutta ma lo scopriremo andando avanti, perchè dipende dal numero di contagi e percentuale della popolazione vaccinata”. 

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass, il decreto in Gazzetta. Senza Green pass via lo stipendio ma salta la sospensione

Il decreto legge per l'obbligo del Green pass sui luoghi di lavoro, approvato la scorsa settimana in Consiglio dei ministri, è stato pubblicato...

“Moralizzare” la pandemia

A cura di Giuseppe Catapano  Sin dalle sue prime battute, in troppi hanno provato a "moralizzare" la pandemia, a farne...

COMUNICATO STAMPA: al via le riprese di “sartu’ ” la sitcom che coniuga comicità e cucina

Maurizio Mattioli ed Enzo Salvi, esilaranti protagonisti dell’”Italian Comedy” sono i brillanti interpreti di Sartu’, un nuovo format televisivo prodotto dalla “MAX...

Putin, Russia Unita conferma la sua leadership

Il presidente russo Vladimir Putin stima "positivamente" il risultato elettorale del suo partito Russia Unita nelle legislative svoltesi tra venerdì a domenica....

Commenti recenti