25 Gennaio 2021, lunedì
Home Italia Economia Agenzia delle Entrate, Ruffini: "Irpef non danneggi produttività"

Agenzia delle Entrate, Ruffini: “Irpef non danneggi produttività”

 Note dolenti per l’attuale sistema dell’Irpef : stando a quanto affermato direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini in commissione finanza alla Camera. “disincentiva l’offerta di lavoro” e “a guadagnare di più”. Invece sull’evasione fiscale Ruffini ha rilevato che nel 2018 l’agenzia delle Entrate ha registrato per Irpef, Ires, Iva e Irap un tax gap di 79,8 miliardi di euro con una riduzione “molto ampia” di 5 miliardi rispetto all’anno di imposta 2017.

Dall’Irpef lo stato incassa circa 194 miliardi di euro, a fronte di incassi complessivi di circa 482 miliardi di euro (2018 anno di riferimento), ha detto Ruffini osservando “la distribuzione dell’Irpef è decisamente “schiacciata” verso il basso, con un reddito dichiarato dalla metà dei contribuenti non superiore a 16.795 euro e con solo lo 0,1 per cento che dichiara più di 300.000″. Dei circa 41,4 milioni di contribuenti irpef; l’84,1 per cento detiene prevalentemente reddito da lavoro dipendente o pensione. Solo il 6,3 per cento ha un reddito prevalente da attività d’impresa o di lavoro autonomo. Per Ruffini, dall’Irpef determinata con l’aliquota continua, “in linea teorica, si potrebbero comunque continuare a sottrarre le detrazioni per spese, oneri e per carichi di famiglia”.

Dopo le sospensioni che ci sono state nel 2020, nel 2021 l’attività dell’Agenzia di riscossione e dell’Agenzia delle Entrate dovranno smaltire circa 50 milioni di atti. È quanto ha ricordato il direttore generale dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, il quale ha sottolineato che se dovessero arrivare novità “di una rottamazione, pace fiscale o definizione, mi preme dire una cosa: tutte queste disposizione presuppongono che il cittadino sia a conoscenza del debito a cui è chiamato ad adempiere. Qualunque introduzione non può prescindere dall’invio di questi atti. Soluzioni alternative dipendono dal Parlamento”. “Dal primo gennaio le due agenzie – ha detto Ruffini – sono legittimate a riprendere l’attività” e questo comporta che nel 2021 tutta l’attività sospesa nel 2020 dovrà essere” svolta oltre a quella di competenza del 2021 per un “accumularsi in prospettiva di circa 50 milioni di atti, 34 milioni di riscossioni e 16 milioni di atti di entrate che verranno notificate”. “L’unica cosa che possono fare le due agenzie è quella di diluirli nel tempo, tra gennaio e dicembre, ma in assenza di una specifica norma non può essere fatto altrimenti”

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Brescia, arrestato medico per aver indotto la morte in pazienti Covid

La città di Brescia, tra le più colpite dall'epidemia, questa mattina si risveglia sotto choc: un medico,in servizio al pronto soccorso dell'ospedale Montichiari in provincia...

Joseph Mengele,il “Dottor Morte” di Auschwitz

a cura di Maria Parente Macchina di sterminio, l'angelo della morte, fanatico di Adolf Hitler, si appassiona al nazionalsocialismo...

Netflix, pronta a diventare il re dello streaming?

Netflix, il colloso digitale, è volato nella borsa Wall Street in modo positivo, infatti ha registrato il 12,83%. ‘Grazie’ alla pandemia, che...

Caccamo, Pietro Morreale è stato fermato per la morte della fidanzata 17enne

Pietro Morreale, 19 anni, il fidanzato di Roberta Siragusa, la 17enne trovata morta in un burrone nelle campagne di Caccamo (Palermo), è stato...

Commenti recenti