5 Agosto 2021, giovedì
Home Italia Politica Il bluff del vaccino entro fine anno: per l'Italia le dosi non...

Il bluff del vaccino entro fine anno: per l’Italia le dosi non saranno sufficienti

|a cura di Maria Parente

La réclame all’italiana che recita di garantire sufficienti dosi di vaccino entro fine anno, in realtà, suona a mo’ di esplicita propaganda politica poiché alla verifica dei fatti consultando il piano presentato a inizio dicembre dal commissario Arcuri si denota una fragile linearità che potrebbe impedirne il decollo.

Secondo i dati forniti il progetto- come riportato da Il Giornale– prevede di arrivare ad avere il 90% degli italiani vaccinati entro la fine del 2021, indicativamente 3 milioni di persone, e dovrebbe riguardare gli operatori socio sanitari e le persone fragili nelle Rsa. Quindi secondo il piano, alla vigilia del nuovo anno scolastico almeno metà della popolazione dovrebbe essere immunizzata contro il Sars-Cov2. Infine entro l’anno dovremmo poi arrivare al 90% di italiani vaccinati.

Al momento si parte con una prima trance del siero Pfizer/Biontech da 1,83 milioni di fiale che dovrebbero arrivare a scaglioni. Mentre una seconda consegna di 2,5 milioni di unità è prevista per gennaio.

Con le due trance del vicino Pfizer/Biontech sulla carta si riusciranno a vaccinare poco più di 2 milioni di persone. Secondo gli accordi preliminari di acquisto tra Commissione Ue e case farmaceutiche, all’Italia dovrebbero spettare circa 26 milioni di dosi del vaccino Pfizer, otto nel primo e secondo trimestre e 10 nel terzo. Ma su questi numeri non ci sono certezze. Forse potrebbe venire in soccorso il vaccino di Moderna, sul quale l’Ema si esprimerà il 6 gennaio prossimo, ma anche qui i numeri sono limitati. L’Italia dovrebbe riuscire ad avere a malapena 1,3 milioni di dosi nel primo trimestre, quindi poco meno 600 mila persone vaccinabili, ma come per il siero Pfizer anche in questo caso ci troviamo davanti più a previsioni che scadenze certe da poter segnare sul calendario.

Coi numeri e le informazioni che abbiamo a disposizione al momento, il massimo che si potrà ottenere è di circa 2 milioni di persone vaccinate nel primo trimestre. Un numero molto al di sotto delle aspettative. E soprattutto un dato poco lusinghiero rispetto all’obbiettivo del 90% entro fine anno. Per raggiungerlo significa riuscire a vaccinare in 9 mesi oltre 50 milioni di italiani, numeri che al momento sembrano lunari.

Nonostante l’Italia abbia opzionato 200 milioni di dosi dei futuri vaccini anti Covid, i problemi continuano ad aumentare, come quello con l’azienda farmaceutica Sanofi. L’Unione aveva stipulato col gruppo francese un’intesa per la fornitura di 300 milioni di fiale, ma i tempi si stanno allunando. All’Italia ne spettavano 40 mln dal fornire tra giugno e dicembre 2021, ma il ritardo farà slittare tutto al 2022. E non a caso le tabelle fornite dalla task force di Arcuri sono stati modificate tra l’inizio di questo mese e il 17 dicembre scorso.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Bce: ripresa più forte, tornano investimenti in Ue

L'economia dell'area dell'euro, dopo il recupero nel secondo trimestre, grazie all'allentamento delle restrizioni e al ritmo sempre più forte delle vaccinazioni "procede...

Covid :Rush finale su green pass e scuola. Figliuolo scrive alle Regioni

Rush finale per le norme sul green pass e il piano scuola. Oggi sono in programma alle 11.30 la cabina di regia...

ll lavoratore può rifiutare il licenziamento?

Dal punto di vista sostanziale, il lavoratore non può rifiutare il licenziamento posto che si tratta di un atto unilaterale che il datore di...

Cina: il Covid ritorna a Wuhan, individuati 7 casi

Il Covid-19 ritorna a Wuhan dopo mesi di assenza: sette lavoratori migranti sono risultati positivi ai test e sono stati inviati agli...

Commenti recenti