Muore Ezio Bosso, compositore eccelso che ha combattuto il pregiudizio

|a cura di Maria Parente

Muore a solo 48 anni affetto da una malattia neurodegenerativa di cui soffriva da anni ma l’amore per la musica lo portava lontano, oltre ogni limite fisico e mentale: Ezio Bosso, pianista eccelso, compositore e direttore d’orchestra lascia la vita terrena dopo aver combattuto a lungo e amato spassionatamente il suo lavoro. Diventato celebre in Italia nel 2016 grazie ad una partecipazione al Festival di Sanremo, invitato da Carlo Conti come ospite d’onore, sul palco dell’Ariston Bosso eseguì Following a bird, composizione contenuta nell’album The 12th Room, che dopo quell’esibizione, applauditissima, finì subito in classifica .

Tra gli eventi che lo hanno visto grande protagonista, Grazie Claudio, l’omaggio a Claudio Abbado. Fu lui a dirigere il concerto evento di Mozart14 per i cinque anni dalla scomparsa del maestro. Bosso mise insieme cinquanta musicisti delle migliori orchestre del mondo per unirsi all’European Union Youth Orchestra e agli amici della Europa Philharmonic Orchestra fondata da lui stesso. 

 “Sul palco sono senza spartito, faccio tutto a memoria. Quando dirigo è come se avessi tutti i suoni scritto, primi e secondi violini, violoncelli, bassi, flauti, oboi, clarinetti, fagotti, corni, trombe, tromboni, percussioni, io li ho davanti, per me è un contatto visivo, dirigere con gli occhi, con i sorrisi, mando anche baci quando qualcuno ha fatto bene”.

Addio Ezio Bosso,

la tua musica sarà l’anima che resta.

Written By
More from Redazione

Ballando con le stelle: nata una nuova coppia?

 Quest’anno nell’edizione di Ballando con le Stelle –inizio programma il 19 settembre-,...
Read More