Arbitrato e tutela del contribuente: l’associazione AIACE dalla parte del cittadino / consumatore

Arbitrato e tutela del contribuente:

l’associazione AIACE dalla parte del cittadino / consumatore.

Il difficile rapporto tra contribuenti e amministrazione finanziaria è talvolta aggravato da comportamenti anomali e del tutto pregiudizievoli mossi dalla pubblica amministrazione.  Per redimere le controversie sorte nei confronti delle pubbliche amministrazioni, si può far riferimento all’arbitrato. 

L’arbitrato  è un metodo alternativo di risoluzione delle controversie (cioè senza ricorso ad un procedimento giudiziario), che consiste nell’affidamento a uno o più soggetti terzi (gli arbitri) dell’incarico di risolvere una controversia, mediante una decisione che sarà vincolante per le parti e suscettibile di essere eseguita, anche in via forzata. La possibilità di ricorrere alla procedura arbitrale, ancorché rimessa alla libera volontà delle parti, è esclusa in caso di questioni afferenti diritti indisponibili, quali quelle di stato e separazione personale, e in caso di divieti espressamente formulati dalla legge. In altre parole, le parti possono far decidere da arbitri solo le controversie in materia di diritti disponibili, salvo che ciò sia vietato dalla legge. In generale, un diritto è ritenuto disponibile quando le parti possono rinunciarvi dal punto di vista sostanziale e processuale. L’arbitrato amministrato è, nella realtà dei fatti, uno strumento assolutamente adatto a risolvere qualsiasi tipo di controversia: dalle più specialistiche, complesse e importanti a quelle più semplici e di minor valore.

Tutto questo grazie a tempi di procedura rapidissimi e a regole e tariffe prefissate: due fattori che rendono l’arbitrato amministrato quasi sempre molto meno costoso di una causa civile in Tribunale. Tempi rapidi e costi contenuti, uniti al tentativo di conciliazione gratuito e alla specializzazione degli Arbitri, non solo rendono l’Arbitrato amministrato dall’Associazione AIACE  lo strumento d’elezione per risolvere tutte le controversie fra aziende –complesse o semplici, di valore elevato o di modesto valore– ma ne fanno anche lo strumento più efficace in materia condominiale, nelle locazioni, nelle compravendite immobiliari, nelle controversie statutarie e, in generale, per tutte le liti su diritti disponibili.

A confermarlo il  vice presidente nazionale dell’associazione Aiace Dott. Alberto Maugeri, dottore commercialista esperto in Gestione della Crisi da sovraindebitamento, che insieme al presidente ed agli altri associati si occupa di fornire un assistenza puntuale a tutela del contribuente e del consumatore. Si in tema di Arbitrato che in quello di usura e anatocismo, mutuo, rottamazione di cartelle esattoriali nonché di mediazione. Grazie alla presenza radicata su tutto il territorio Nazionale, con sede legale nella capitale l’associazione Aiace può fornire servizi a tutele del consumatori e contribuenti su tutto il territorio nazionale.

Richiedere consulenza presso Aiace è facile, basta collegarsi al sito www.aiaceweb.it e diventare socio versando una quota del valore di euro 2,00 , 10,00, 50,00 o un libero contributo. 

Vista l’ormai imminente scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi, dice la dott.ssa Pamela Profeta, dottore commercialista e consulente esperta in materia aziendale presso la sede nazionale di Aiace,  vorremmo estendere un invito ai lettori a destinare il 5 per mille a favore di AIACE

L’associazione, ottenuta, la liquidazione del contributo impegnerà parte dello stesso  per  lo svolgimento delle campagne pubblicitarie a favore della difesa dei diritti dei consumatori in materia di agevolazioni alle categorie protette, agli anziani, ai titolari di contratti bancari, finanziari, e  parte  per la costituzione di call center dedicati ai soggetti svantaggiati al fine di fornire  loro , assistenza e consulenza.   

Tags from the story
Written By
More from Redazione