1 Marzo 2021, lunedì
Home Cultura & Spettacoli Amrita Pritam, chi è la poetessa celebrata da Google

Amrita Pritam, chi è la poetessa celebrata da Google

Chi è Amrita Pritam? Una prima risposta a questa domanda è semplicemente: Amrita Pritam è una delle più grandi scrittrici indiane (del Punjab, o comunque dovremmo più correttamente dire pakistana naturalizzata indiana), nata esattamente cento anni fa e celebrata oggi a livello mondiale dal consueto doodle di Google, che la ritrae simbolicamente insieme ad alcune rose nere (che richiamano il titolo della più famosa raccolta di poesie di Amrita Pritam, almeno di più ampia traduzione e diffusione, ovvero “Rose nere ed esistenza”). Ma per capire meglio Amrita Pritam questo non basterebbe. E non solo perchè è una figura totalmente aliena alla cultura occidentale, ma perchè nella sua lunga e artisticamente prolifica vita, Amrita Pritam ha percorso strade così diverse tra loro che per riuscire a immedesimarsi in lei servirebbero anni di studi. Anzi, in un certo senso, Amrita Pritam, un po’ come visse la decolonizzazione dell’India e il suo passaggio nel paese del Mahatma dal Pakistan, di strada cercò di seguirne sempre una sola, la sua, che tortuosamente e precocemente la portò in contatto con mondi diversi e “contaminò” la sua cultura. Basti pensare che lei, figlia di padre Sikh, addirittura di un mistico della sua comunità, disse di aver smesso di credere in Dio a soli 11 anni. L’essere cresciuta in un clima di stretta osservanza religiosa, sotto l’autorità di un padre inflessibile non ha fiaccato la curiosità e la passione per la scrittura di Amrita che ricorda – in una sua autobiografia ufficiale – di quando scrisse a 10 anni il suo primo poema e il padre ne venne a conoscenza. Per paura lei addirittura negò di aver scritto quel poema e lo attribuì a “un amico”. Il padre non credette alla bugia e la colpì con un violento schiaffo. Questo episodio ha segnato il rapporto di Amrita Pritam con la religione, l’autorità paterna (e maschile di quegli anni) e con la letteratura. “Così” disse “ho tentato di rinnegare la mia prima poesia, ma l’opera stessa si ribellò all’idea di essere disconosciuta e tornò da me accompagnata da uno schiaffo”.Risultati immagini per Amrita Pritam

L’India è fortemente legata alla figura di Amrita Pritam, considerata una delle scrittrice più importanti di tutti i tempi e la prima donna di rilievo della poesia punjabi. Il suo lavoro più noto da romanziera è stato Pinjar, che ha ispirato un film chiamato Pinjar uscito nel 2003.

Nel 1956 è stata infatti la prima donna ad alzare al cielo il Sahitya Akademi Award per quella che è definita una delle sue opere più grandi, ovvero, la lunga poesia “Sunehade” (che significa “messaggi”). Nel 1969 è invece la volta del prestigioso Padma Shri, la quarta più alta onorificenza civile della repubblica indiana, conferita ogni anno nel Giorno della Repubblica ai cittadini che più si sono distinti in vari campi.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Varianti Covid19, cosa non convince

a cura di Maria Parente Varianti è la più aggiornata denominazione che siamo soliti ascoltare per identificare il Covid19....

Boxe: A Milano Boxing Night, vince l’italiano Daniele Scardina

Qualche giorno fa, all’evento 'Milano Boxing Night', dove viene consegnato il titolo dell'Unione Europea dei pesi supermedi, l’italiano Daniele Scardina ha battuto lo...

‘Gomorra’ iniziate le riprese della quinta stagione

Sky ha finalmente diffuso le prime immagini della quinta e ultima stagione di Gomorra. Nello scatto si vedono i due attori principali...

Oroscopo dal 1°al 7 marzo

Ariete: Settimana di soddisfazioni. In amore, dovete aumentare il dialogo con il partner. In ufficio, date al via alla creazione di nuovi...

Commenti recenti