25 Ottobre 2020, domenica
Home Mondo Politica nel Mondo Elezioni europee, Sanchez domina in Spagna. In calo l'ultradestra

Elezioni europee, Sanchez domina in Spagna. In calo l’ultradestra

Vittoria nettissima ma dal sapore agrodolce per il partito socialista di Pedro Sanchez, che un mese dopo il trionfo alle politiche si impone di lunghezza in Europa, confermandosi come riferimento della sinistra e diga all’avanzata dall’estrema destra nel continente. Consolida il potere territoriale in pratica sull’intero territorio nazionale, ma non corona l’assalto a Madrid capitale e nella regione, dove il Partido Popular resiste.

Con quasi il 33% dei voti e 20 eurodeputati – 10 punti in più che nel 2014 – il Psoe è la prima forza europea, davanti al Pp, che crolla di 6 punti al 20% con 12 seggi. Tuttavia Pablo Casado, il leader dei Popolari, discusso dopo la debacle alle politiche del 28 aprile, regge la spallata del liberaleCiudadanos, che con il 12,1% e 7 seggi non consuma l’Opa sul partito conservatore, pur consolidandosi come terza forza. Si sgonfia Podemos, solo 4 anni fa il partito rivelazione alle europee, sprofondato dal 17% al 10%, con 6 scanni. Vox entra nell’Eurocamera con 3 deputati e il 6,2% dei suffragi, un flop rispetto alle aspettative e con la metà dei 2,7 milioni di voti ottenuti alle politiche soltanto tre settimane fa.

A livello locale, dopo 4 anni i Popolari hanno ripreso il controllo di Madrid, dove si prospetta una maggioranza di centro-estrema destra, dopo l’ingresso di Vox i cui seggi saranno determinanti. La sindaco uscente indipendente, Manuela Carmena, alleata in Mas Madrid con Iñigo Errejon, l’ex numero due di Podemos, ha pagato cara la spaccatura a sinistra. Una notte nera per il partito viola di Pablo Iglesias e le sue confluenze, che hanno perduto in quasi tutti i municipi del ‘cambiamento’ avviato soltanto quattro anni fa. Anche a Barcellona gli indipendentisti di Esquerra Repubblicana con Josep Maragall si sono affermati come prima forza politica sbaragliando per un soffio i ‘comunes’ della sindaca Ada Colau sostenuta da Podemos.Immagine correlata

La mancata tenuta a sinistra ha fatto svanire la possibilità per i socialisti di governare la regione di Madrid, dove si sono affermati come prima forza politica. E avrà di certo peso nei negoziati che Pedro Sanchez comincerà da oggi per la formazione del nuovo governo.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Coronavirus, sintesi schematica del nuovo Dpcm

Per offrire ai lettori un servizio di informazione sempre attivo e puntuale, la nostra redazione segue sintesi ed elencazione schematica delle...

La ribellione popolare è in atto. Disperazione o criminalità?

a cura di Maria Parente Disperazione, rabbia, paura, delusione: le manifestazioni belliche di Napoli, e poi Roma,...

Residente estero e acquisto immobile in Italia è seconda casa?

Con Risposta a interpello n 462 del 12 ottobre 2020 l’agenzia delle entrate risponde ad un quesito in merito all’acquisto di seconda casa di...

Tania Cagnotto annuncia: ‘è una femminuccia’

E’ stato lo scorso agosto che l’ex nuotatrice Tania Cagnotto ha annunciato sia l’addio dalle vasche e sia la prossima gravidanza: ‘’È...

Commenti recenti