7 Marzo 2021, domenica
Home Mondo Progetto Galileo: un altro problema creato dalla Brexit

Progetto Galileo: un altro problema creato dalla Brexit

È semplicemente ridicolo leggere sul Corriere della Sera del 28 marzo che i britannici  sono “furiosi” perché l’Unione europea li vuole escludere dal Progetto Galileo, nell’ambito della Brexit. Il Galileo è uno dei principali progetti di infrastrutture spaziali dell’Unione europea, un sistema di posizionamento e di guida utilizzato per la navigazione aerea, la navigazione marittima, la circolazione ferroviaria e per la sicurezza di uno Stato, oltre che per altri infiniti usi civili.  Si tratta di un sistema simile al Gps americano, utilizzato anche dai ‘navigatori’ che ormai troviamo su tutte le automobili.

Le resistenze britanniche al Progetto Galileo pro-Gps
La ragione per definire ridicola la reazione britannica sta nei fatti. Nei cinque anni (2003-2008) in cui si sono riunite le  commissioni di lavoro dell’Unione europea per la definizione del progetto, si è dovuto sempre lottare con i colleghi britannici che sostenevano l’inutilità del Galileo in presenza del Gps, segno del loro secolare legame con gli Stati Uniti che non volevano un concorrente per il Gps.

In quegli anni fu costituita la Gsa (Galileo Supervisory Authority, poi divenuta Gnss Supervisory Authority). Nel 2006 l’Italia presentò un progetto per la sede della Gsa a Roma, nel Tecnopolo Tiburtino, vicino alla sede romana dell’Agenzia Spaziale Europea (Esrin) e al centro di controllo del Galileo al Fucino. La sede della Gsa era strategica perché al suo interno comprendeva il Galileo Security Monitoring Centre, centro cruciale per la sicurezza europea.

La sede britannica e il cavallo di Troia
Il progetto italiano fu giudicato il migliore di tutti quelli presentati, ma ragioni politiche portarono la sede della Gsa a Praga, sito inopportuno per un’agenzia che deve tenere costanti contatti con la Commissione europea e l’Agenzia Spaziale Europea di Parigi. Infatti, la Gsa ha una sede secondaria a Bruxelles. Alla fine, dopo molte discussioni, il Galileo Security Monitoring Centre fu scorporato dalla Gsa e diviso tra Francia e Gran Bretagna.

Si capisce, allora, perché i britannici non vogliano uscire dal Galileo: nel loro territorio è situato uno dei due centri principali per la sicurezza europea. Non è escluso che qualcuno a Bruxelles consideri questo centro il cavallo di Troia degli americani sui sistemi di sicurezza dell’Unione europea. Se si considera l’attuale politica dell’Amministrazione americana, non proprio favorevole all’Europa, considerata un forte concorrente in campo economico, la decisione dell’Unione europea appare ancor più giustificata.

a cura di Vincenzo Catapano

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Btp green da 8,5 miliardi: luci e ombre delle prime obbligazioni verdi

Il collocamento del primo Btp green della storia italiana si è chiuso al prezzo di 99,168 per titolo, corrispondente a un rendimento lordo annuo...

Recovery Plan, Draghi affida la consulenza a McKinsey?

Il Mef replica alla indiscrezioni secondo cui il governo Draghi avrebbe affidato alla società americana McKinsey la consulenza per mettere a punto il Recovery Plan per l'utilizzo...

Fdi, Giorgia Meloni sui vaccini: ”Speranza si assuma la responsabilità di dirci quali sono i vaccini sicuri da utilizzare”

Dopo il blocco dei vaccini Astrazeneca, Giorgia Meloni ha affermato: "Speranza si assuma la responsabilità di dirci entro i prossimi giorni quali...

Serie A, senza Ronaldo è sempre Juve. Lazio ko

Nel posticipo serale del sabato della ventiseiesima giornata (posticipo degli anticipi) la Juventus batte la Lazio 3-1. Nelle altre due gare, vittoria...

Commenti recenti