17 Aprile 2021, sabato
Home Mondo Web 2.0, l’assassino

Web 2.0, l’assassino

Jaron Lanier, tra You Are Not a Gadget e Who Owns the Future?, sostiene che il web 2.0 stia uccidendo la classe media per disintermediazione e livellamento in basso, come riporta anche un articolo di Riccardo Staglianò su Repubblica.

Dove si può leggere la conclusione sofferta e provvisoria di Lanier sul futuro prossimo dell’industria e dell’economia mondiale:

Per quanto mi faccia male dirlo, potremo anche sopravvivere distruggendo solo la classe media composta da musicisti, giornalisti e fotografi. Ciò che non è sostenibile è la distruzione di quella che lavora nei trasporti, nella manifattura, nel settore energetico, nell’educazione e nella sanità, oltre che nel terziario. E una tale distruzione accadrà, a meno che le idee dominanti sull’economia dell’informazione non facciano dei passi avanti.

Tutto condiviso, tranne che il problema non è la rete o il mondo 2.0 dove il pubblico lavora gratis per il profitto di Facebook. Lanier ha trascurato la Firenze del Basso Medioevo e la sua struttura che metteva al centro le Arti, cioè il lavoro e chi lo svolgeva, e da esse derivava sia governo che sviluppo.

In tema va letto Le arti e i mestieri di Firenze di Luciano Artusi e però voglio citare dalla guida di Firenze Musei a Orsanmichele:

Firenze è allora una repubblica di artigiani che sotto le Arti, […] controllano il governo della città. Le Arti sono organi politici […] comprendono, ciascuna, solo artefici di un determinato mestiere; si ha diritto a ricoprire cariche amministrative pubbliche solo se si è iscritti a un’arte.

Le Arti moderne – le corporazioni – sono sganciate dalla classe media e i governi – la questione è globale – assumono ed esercitano potere indipendentemente da lavoro e sviluppo. La rete conferisce alla classe media accesso continuo e ubiquo ai mercati, per vendere e comprare.

Il meccanismo disgregante, che necessita di passi avanti delle idee dominanti sull’economia dell’informazione, nasce dalla difficoltà di monetizzare l’accesso e dalla caduta del valore dell’informazione stessa. Bisogna lavorarci. La nemesi della classe media è però un’altra:

Arti e Stato, che coincidevano e ora sono entità parallele, cercano di ribellarsi a uno sviluppo che li svuota di significato e sottrae loro i mercati. Uber diventa legale a Londra; nella nazione virtuale di Amazon vige la libera circolazione delle merci e l’autenticazione a due fattori sostituisce la carta di identità; gli ecosistemi di Apple, Google, Yahoo, Microsoft operano senza frontiere e con tassazioni risibili.

La rete non uccide la classe media: dissolve corporazioni e Stati nazione. Le une e gli altri si rivalgono però con chiusure e tasse sulla classe media, la quale può difendersi solo rivolgendosi alla rete, che in potenza offre a chiunque l’accesso a qualsiasi corporazione: oggi i tassisti o gli albergatori, ma seguiranno tutti. E sulla rete si trovano ecosistemi-nazione trasversali alle nazioni, dove si paga per quello che si riceve, ci sono regole chiare e tutti hanno le stesse possibilità.

Rimane il problema enorme di costruire meccanismi virtuosi di valore in rete e su questo la riflessione di Lanier va considerata urgente. Ma a uccidere la classe media sono istituzioni e corporazioni lontanissime dalle loro funzioni originarie e votate alla pura autoconservazione.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Europa League. Roma, è semifinale!

La Roma è in semifinale di Europa League. Dopo 180 minuti, tra andata e ritorno, i giallorossi (per la sesta volta nella...

Giudicate Voi, domenica 18 aprile in onda la tredicesima puntata

Domenica 18 aprile in onda una nuova puntata di “Giudicate Voi.” Giudicate voi è il talk show di approfondimento...

Giovannini: “50 miliardi per trasporti e infrastrutture, metà al Sud”

Il ministro dei Trasporti e delle mobilità sostenibili Enrico Giovannini sostiene: “nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture...

Varate le linee guida delle regioni per le riaperture

Le Regioni propongono le regole per far ripartire il Paese, anche nelle zone rosse. Le linee guide per la riapertura delle attività...

Commenti recenti