17 Aprile 2021, sabato
Home News Centralizzazione degli acquisti dei comuni con proroga

Centralizzazione degli acquisti dei comuni con proroga

Un emendamento al decreto sulla pa per rinviare l’obbligo di centralizzazione degli acquisti imposto ai comuni non capoluogo. Con due nuove scadenze: 1° gennaio 2015 per i beni e i servizi e 30 giugno 2015 per i lavori.
È questa la soluzione al momento più gettonata per ovviare al caos creato dall’art. 9 del dl 66/2014, che, a decorrere dal 1° luglio scorso, ha imposto a tutti i comuni, tranne quelli capoluogo di provincia, di approvvigionarsi esclusivamente facendo ricorso ad una centrale di committenza (da istituire all’interno delle unioni o mediante accordo consortile) ovvero ad un soggetto aggregatore. La norma, al momento, non fa sconti, avendo anche cancellato la deroga (introdotta dalla l 147/2013) per gli acquisiti in economia o per importi inferiori a 40.000 euro.Come denunciato dall’Anci, la maggior parte dei comuni non è pronta ad adeguarsi, anche perché, in base alla normativa previgente, l’obbligo riguardava solo quelli con meno di 5.000 abitanti. Per alcune categorie di lavori e servizi (si pensi alle manutenzioni edilizie o ai servizi sociali), non è neppure possibile fare ricorso a Consip, trattandosi di prodotti non standardizzabili.Da qui la richiesta di una proroga, su cui fin da subito il Governo si è dimostrato favorevole. Delle due soluzioni disponibili sul piano tecnico – ossia un emendamento ad uno dei decreti-legge in via di conversione oppure l’adozione di un nuovo provvedimento d’urgenza – al momento sembra favorita la prima. Il correttivo dovrebbe confluire nella legge di conversione del dl 90/2014 (quello sulla riforma della pa, al momento all’esame della Camera) e prevedere due scadenze differenziate per beni e servizi (1° gennaio 2015) e per i lavori (30 giugno 2015). Nelle more del perfezionamento della norma, comunque, l’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici (ora soppressa e incorporata nell’Autorità anticorruzione) sarebbe disponibile a rilasciare comunque il codice identificativo di gara (Cig), in deroga al divieto previsto dallo stesso dl 66.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Europa League. Roma, è semifinale!

La Roma è in semifinale di Europa League. Dopo 180 minuti, tra andata e ritorno, i giallorossi (per la sesta volta nella...

Giudicate Voi, domenica 18 aprile in onda la tredicesima puntata

Domenica 18 aprile in onda una nuova puntata di “Giudicate Voi.” Giudicate voi è il talk show di approfondimento...

Giovannini: “50 miliardi per trasporti e infrastrutture, metà al Sud”

Il ministro dei Trasporti e delle mobilità sostenibili Enrico Giovannini sostiene: “nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture...

Varate le linee guida delle regioni per le riaperture

Le Regioni propongono le regole per far ripartire il Paese, anche nelle zone rosse. Le linee guide per la riapertura delle attività...

Commenti recenti