13 Aprile 2021, martedì
Home News Scuola, subito in pensione 4 mila professori: pronta correzione su legge Fornero

Scuola, subito in pensione 4 mila professori: pronta correzione su legge Fornero

Per quattromila professori potrebbero presto aprirsi le porte della pensione. La prossima settimana sarà depositato un emendamento alla riforma della Pubblica amministrazione per risolvere il caso degli “esodati della scuola”, ribattezzato anche “quota 96″, gli insegnanti che nel 2012 pur avendo maturato i requisiti per la pensione (36 anni di contributi e 60 di età) non avevano potuto lasciare il lavoro per una ”dimenticanza” della legge Fornero.

A differenza di tutte le altre categorie, infatti, l’anno lavorativo per i dipendenti della scuola non termina il 31 dicembre, ma il 31 agosto. Avendo chiuso le saracinesche della pensione per tutti alla fine dell’anno solare, la legge Fornero ha di fatto costretto quattromila insegnanti che già avevano fatto domanda di ritiro ed avendone i requisiti, a rimanere a lavoro per diversi anni ancora.

Scrive Andrea Bassi sul Messaggero:

Da tempo alla Camera di lavora ad una correzione di questo errore della riforma previdenziale, ma tutte le proposte sono state sempre frenate dalla Ragioneria generale dello Stato per mancanza di coperture economiche. Ma proprio qui sta la novità. I 416 milioni di euro in cinque anni adesso ci sarebbero. A confermarlo è il presidente della Commissione bilancio, Francesco Boccia. «Le coperture le abbiamo trovate», spiega a Il Messaggero, «arriveranno dalla spending review». Ed in effetti per la Ragioneria potrebbe essere difficile dire no ad un’ipotesi del genere, considerando che la stessa staffetta generazione attuata tramite l’abolizione del trattenimento in servizio, inserita proprio nel decreto sulla pubblica amministrazione, è stata finanziata alzando gli obliettivi dei tagli di spesa affidati al commissario Carlo Cottarelli.

Sulla proposta, che avrà come prima firmataria Manuela Ghizzoni del Partito Democratico, ma che sarà sottoscritta da tutti i capigruppo della commissione bilancio, ci sarebbe già l’avallo del ministero del lavoro guidato da Giuliano Poletti. L’emendamento prevede che gli insegnanti e il resto del personale della scuola che avevano maturato i requisiti per il ritiro con le norme pre-fornero, possano ripresentare la domanda. L’Inps avrà soltanto quindici giorni di tempo per esaminarla e dare una risposta. Tutto questo servirà per fare in modo che questi docenti possano andare in pensione prima dell’avvio del nuovo anno scolastico. «Questo meccanismo», spiega il presidente della Commissione lavoro della Camera, Cesare Damiano, che pure firmerà l’emendamento, «consentirà anche di assumere subito 4 mila nuovi insegnanti permettendo anche di centrare quell’obiettivo di svecchiamento della pubblica amministrazione che il governo si è dato».

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Anche in Italia si preparano test per la ripartenza dei concerti

In Spagna sono stati fatti test per far ripartire i concerti  ,a Barcellona si sono tenuti due live di prova, davanti a...

Napoli, la protesta dei lavoratori dello spettacolo: «Noi esclusi anche dai bonus»

I lavoratori dello spettacolo a Napoli sono scesi davanti al teatro Mercadante per manifestare le difficoltà di un settore completamente paralizzato dal...

Riaperture di cinema e teatri, il piano di Franceschini

Il ministro della cultura Dario Franceschini ha illustrato nell’incontro con gli esperti del Comitato tecnico-scientifico, una proposta scritta per riaprire in sicurezza appena sarà...

Calenda a Letta, primarie legittime ma le strade si separano

Enrico Letta segretario del Pd ha rilanciato le primarie per le elezioni amministrative "Le amministrative sono un banco...

Commenti recenti