7 Marzo 2021, domenica
Home Mondo Bolivia, bambini scioperano per lavorare a 10 anni

Bolivia, bambini scioperano per lavorare a 10 anni

Fateci lavorare a 10 anni”. Per tre anni i bambini boliviani hanno scioperato, marciato, protestato, fatto volantinaggio, prima di convincere il presidente Evo Morales, che pure ha trascorso la sua infanzia a pascolare lama sulle Ande, del loro diritto al lavoro. Alla fine sono stati ascoltati e il governo abbasserà l’età per l’impiego legale: il limite restano i 14 anni, come chiede l’Onu, ma si scende a 12 o a 10 se manifestano la volontà di farlo e c’è il consenso dei genitori.

In Bolivia, è una realtà, un minore su tre lavora: sono piccoli lustrascarpe, baby minatori, aiuto braccianti nelle aziende agricole familiari, piccoli strilloni che brulicano per le strade di Santa Cruz o comunque nelle piccole zone di quell’economia suburbana che gli permette di guadagnare un gruzzoletto per aiutare i propri genitori.

Per questo esiste anche un sindacato per i piccoli lavoratori, Unatsbo, che in questi anni si è battuto per instillare nella politica boliviana l’idea che il contrasto non debba essere fatto al lavoro minorile bensì allo sfruttamento minorile, ossia battersi per la protezione di diritti e salari e non negare loro tout court la possibilità di sostentamento.

Il parlamento boliviano approverà la riforma per autorizzare il lavoro dei quasi-adolescenti in settimana. Sarà permesso di lavorare a tutti i bambini di 12 anni che manifestino la volontà di farlo, che abbiano il consenso dei genitori e l’ok delle istituzioni di protezione all’infanzia. Inoltre, se invece che lavorare come dipendenti, in fabbrica come nelle piantagioni, si metteranno in proprio, potranno addirittura iniziare a 10 anni.

Henry Apaza, 17 anni e delegato dell’Unatsbo, spiega le opportunità della riforma che cancella l’infanzia:

“Abbiamo previsto alcuni limiti. La consideriamo una necessità e parte della nostra istruzione. Poi, sono garantiti gli stessi diritti degli adulti, e, su otto ore, due devono essere per forza spese a scuola”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

‘Lo chiamavano Teatro’, un corto realizzato per la chiusura del settore

Ad un anno dalla chiusura dei teatri italiani è stato realizzato un corto "Lo chiamavano Teatro", scritto da Luca Basile, diretto da...

Sanremo, si conclude con il trionfo dei Maneskin il Festival degli scontenti

a cura di Maria Parente La 71^ edizione del Festival di Sanremo si conclude con un ascolto medio di...

Btp green da 8,5 miliardi: luci e ombre delle prime obbligazioni verdi

Il collocamento del primo Btp green della storia italiana si è chiuso al prezzo di 99,168 per titolo, corrispondente a un rendimento lordo annuo...

Recovery Plan, Draghi affida la consulenza a McKinsey?

Il Mef replica alla indiscrezioni secondo cui il governo Draghi avrebbe affidato alla società americana McKinsey la consulenza per mettere a punto il Recovery Plan per l'utilizzo...

Commenti recenti