15 Luglio 2024, lunedì
HomeNewsEmergenza natalità, i giovani: “Non è solo una questione economica”

Emergenza natalità, i giovani: “Non è solo una questione economica”

 
È quanto emerso durante il secondo appuntamento di ON RADAR,
Think Tank della Fondazione Internazionale Menarini, che ha riunito
45 voci, tra esperti e studenti, in 5 tavole rotonde

A cura di Carla Cavicchini
 
ROMA, 4 maggio 2023 – “Viviamo in una società piena di stimoli, di modelli di
perfezione che ti fanno sentire in dovere di dare il meglio. Questo ti porta al
perfezionismo in tutto: nelle relazioni sentimentali, nel lavoro, nell’essere genitore. E il
perfezionismo paralizza”.
Queste le parole di una studentessa universitaria che ha partecipato all’incontro
“Natalità, politically incorrect”, secondo appuntamento di ON RADAR, il Think
Tank della Fondazione Internazionale Menarini. Il gruppo di ricerca, guidato dal
direttore Massimo Scaccabarozzi, ha riunito attorno a 5 tavoli di lavoro 45 personalità
che hanno approfondito il tema della natalità sotto diversi profili. Dalla voce dei ragazzi
al mondo della comunicazione, dalle imprese alla scuola, fino a una società sempre più
tendente all’individualismo, gli esperti hanno analizzato le cause e le conseguenze
dell’inverno demografico italiano da punti di vista non convenzionali, riconoscendo un
ruolo centrale ai giovani.
I ragazzi intervenuti nel Think Tank ribaltano l’idea di una generazione che per fare figli
ha solo bisogno di stabilità economica. La sicurezza finanziaria è importante, ma il vero
problema resta una società che è solo capace di offrire ai giovani un presente idealizzato
e un futuro difficile da progettare. 
Non a caso, come rilevato nella tavola rotonda dedicata alla Comunicazione, i figli non
sono quasi mai presenti nelle campagne pubblicitarie e vengono visti, spesso, più come
un ostacolo. I media dovrebbero sforzarsi di rappresentare, invece, “l’energia, la poesia e
il progetto” che i bambini sono in grado di esprimere. 
Le imprese soffrono gli effetti del calo demografico nella mancanza di forza lavoro. Nel
breve periodo questa carenza deve essere compensata sviluppando politiche migratorie,
interne al Paese e internazionali, coerenti con le professionalità ricercate e sostenendo
l’occupazione femminile. Le coppie vanno, inoltre, supportate con incentivi pubblici per
anticipare il primo figlio e favorire la nascita del secondo: così da incrementare, nel lungo
termine, una nuova generazione di genitori.

“Pochi nati significa pochi genitori potenziali. È la trappola demografica, un circolo
vizioso che minaccia il nostro Paese. Con questi dati di natalità stiamo buttando via il
nostro futuro che possiamo salvare solo ascoltando i giovani” ha
commentato Scaccabarozzi.
Ufficio Stampa: ufficiostampa@menarini.it

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti