1 Dicembre 2022, giovedì
Home News Al via le iscrizioni per il corso “Alta sartoria su misura da...

Al via le iscrizioni per il corso “Alta sartoria su misura da donna

Al via le iscrizioni per il corso “Alta sartoria su misura da donna. Tecniche base e lavorazioni artigianali” a Spazio NOTA  
Il corso inaugura la stagione formativa invernale 2023, in collaborazione con CNA Federmoda Firenze, CNA Firenze Metropolitana e Confartigianato Imprese Firenze Clicca qui per la cartella stampa digitale con foto
Sarà la Maestra Artigiana Ombretta Maffei, titolare dell’omonima sartoria fiorentina su misura a insegnare agli allievi del corso di “Alta sartoria” come si costruisce un cartamodello, come si lavora con ago e filo e con la macchina da cucire per realizzare una gonna, un abito, un pantalone. Il corso Alta sartoria su misura da donna. Tecniche base e lavorazioni artigianali inaugura la stagione invernale 2023 a Spazio NOTA, in via dei Serragli a Firenze, e nasce dalla collaborazione tra Associazione OMA – Osservatorio dei Mestieri d’arte, CNA Federmoda Firenze, e Confartigianato Imprese Firenze. Il corso è sostenuto da Fondazione CR Firenze che promuove e supporta le attività di Spazio NOTA e di Associazione OMA – Osservatorio dei Mestieri d’Arte, suo soggetto strumentale, da sempre impegnata nella salvaguardia dell’artigianato artistico e nella valorizzazione dei mestieri d’arte. “L’obiettivo del corso – spiega Luciano Barsotti, presidente dell’Associazione OMA- è fornire strumenti concreti e competenze tecniche per formare aspiranti artigiani che potranno mettersi alla prova con l’alta sartoria, uno dei mestieri tradizionali che può rappresentare una grande opportunità per il futuro professionale dei giovani. OMA offre l’occasione di apprendere direttamente dai maestri artigiani i segreti dei mestieri d’arte e di agevolare le scelte professionali: un’iniziativa questa che ha il merito di mettere in connessione i talenti e le aspirazioni delle giovani generazioni con una delle attività più radicate sul territorio, che come molti mestieri tradizionali ha oggi bisogno di nuove leve”.“Trovo importante questo corso – aggiunge Agnese Fazolo, presidente CNA Federmoda Firenze – perché è sia una risorsa per i giovani che vogliono acquisire competenze tecniche più specifiche, che una per tutti coloro che, già lavorando, vogliono arricchire le loro conoscenze per poter poi proporre un prodotto più ricercato. Le competenze che si acquisiranno con questo corso sono uniche e preziose: poche persone sanno lavorare come Ombretta che conosce tecniche che sono in pochi oggi a padroneggiare. Un insieme di capacità che, se non trasmesse alle nuove generazioni, con il tempo spariranno. Questo corso, quindi, non solo ha un valore formativo importante, ma anche un valore culturale perché consente il passaggio delle competenze che è fondamentale. Salvaguardare un saper fare unico e speciale come questo è fondamentale per mantenere in vita una tradizione sartoriale sempre più rara”. “L’attività di OMA è encomiabile, non solo per la tutela e la promozione dell’artigianato in sé ma per l’investimento continuativo nella sua parte più viva, la formazione. La formazione è la chiave per il futuro dell’artigianato, perché rinnova e trasmette le competenze. In più, il mestiere dell’alta sartoria può essere un concreto percorso per la crescita e l’autonomia economica dei giovani”, sottolinea Alessandro Sorani, Presidente di Confartigianato Firenze.Le lezioni inizieranno il 23 gennaio e saranno a carattere marcatamente tecnico-pratico, il percorso formativo di 120 ore termina con due moduli a cura di Confartigianato Imprese Firenze: il presidente Alessandro Sorani,esperto di comunicazione e Giovanni Guidarelli,responsabile Ufficio Credito ed Incentivi di Confartigianato Imprese Firenze, approfondiranno i passaggi che servono per avviare un’impresa – dalle regole d’oro per l’accesso al credito, agli incentivi pubblici (imprenditoria femminile e giovanile) fino alla costruzione del business plan – e le principali tecniche di comunicazione per relazionarsi con il cliente e promuovere al meglio la propria attività artigianale.
Ideatrice del corso di alta sartoria è la Maestra Artigiana Ombretta Maffei, membro dell’Accademia Nazionale dei Sartori e Presidente Nazionale di CNA Moda “Su Misura”, ha rappresentato più volte l’Italia al Congresso Mondiale dei Maestri Sarti. Maffei sarà accompagnata da Beatrice Cardinali, figlia d’arte cresciuta in atelier, diplomata Sarta e Stilista e finalista al concorso Nazionale “Manichino d’Oro” dell’Accademia dei Sartori. Dal 1995 è docente di corsi professionalizzanti di sartoria e responsabile tirocini. Al centro del corso di Alta Sartoria ci sono le nozioni fondamentali del mestiere del sarto: dallo studio anatomico, alla ricerca di filati e tessuti, dalla modellistica, al taglio artigianale su misura, dalle lavorazioni a mano alla stiratura finale. Gli studenti avranno anche la possibilità di visitare l’Accademia Nazionale dei Sartori di Roma, la più antica associazione italiana del settore abbigliamento.Per accedere al corso è necessario aver compiuto i 18 anni di età al momento dell’iscrizione e possedere conoscenze base del cucito a mano e a macchina. Saranno ammessi al corso massimo 10 partecipanti e costituisce titolo preferenziale il possesso di una breve esperienza nel settore. Il corso è per la maggior parte sostenuto da Fondazione CR Firenze che promuove e supporta le attività di Spazio NOTA e di Associazione OMA. Per candidarsi al corso di Alta Sartoria c’è tempo fino al 18 gennaio 2023. Per maggiori informazioni WWW.SPAZIONOTA.IT 
Riceviamo e pubblichiamo integralmente
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Pericoli per i minori sul web: Dalla rubrica A.U.G.E., Avv. Gianluca Bozzelli ci risponde

A cura di Ionela Polinciuc Quali sono i pericoli per i minori sul web? ''...

Ursula von der Leyen:” La Russia deve pagare”

A cura di Ionela Polinciuc La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, ha proposto l'istituzione di un tribunale...

Sintomi nuove varianti Covid

A cura di Ionela Polinciuc Il covid-19 continua a portare preoccupazioni. Le nuove varianti Cerberus e Gryphon avanzano sempre...

Il magistrato di Agrigento Walter Carlisi finito al centro della polemica

A cura di Ionela Polinciuc ‘’Vicinanza alla polizia penitenziaria. Bene scuse del magistrato Carlisi. In futuro niente generalizzazioni. ‘’Lo...

Commenti recenti