6 Ottobre 2022, giovedì
Home Italia Economia Gas: S&P, bolletta in Europa aumenterà di oltre un trilione

Gas: S&P, bolletta in Europa aumenterà di oltre un trilione

L’agenzia di rating Standard&Poor’s stima che “la bolletta energetica dell’Europa supererà i suoi livelli pre-pandemia di ben oltre mille miliardi di euro” per effetto della stretta alle esportazioni di gas russo.

“Gli alti prezzi aggraveranno la questione su chi debba sopportare questo massiccio fardello finanziario”, si legge in un report dell’agenzia di rating dedicato alle utilities europee.

La chiusura “a tempo indeterminato” del Nord Stream, che S&P considera “permanente” nel suo scenario di base, aggiunge infatti pressione sulle aziende energetiche in relazione ai prezzi, alle forniture di gas ed energia elettrica e alla loro liquidità.

Avvio volatile per il gas sul mercato di Amsterdam con il prezzo dei future sul Ttf che ha oscillato tra un massimo di 247 euro al megawattora (3%) in avvio di seduta e un minimo di 225 euro (-6,2%). In questo momento il benchmark del prezzo europeo del gas cede il 4,5% a 229 euro, con gli operatori che soppesano le contromisure – a partire dal price cap – a cui l’Europa sta lavorando per rispondere alla stretta della Russia e ai suoi effetti sui prezzi.

Dobbiamo prendere una pausa e resettare l’indice Ttf”, l’indice di Amsterdam di riferimento dei prezzi del gas in Europa. “La volatilità di questo mercato non è sotto controllo”, “non riflette il prezzo reale del gas importato in Europa ma piuttosto la preoccupazione”, c’è “un approccio speculativo”. “Sosteniamo un tetto alla volatilità dell’indice”. Lo ha detto il presidente di Enel, Francesco Starace, intervenendo all’incontro ‘Mitigare lo shock energetico’ durante la conferenza annuale del think tank Brugel.

I segnali sempre più forti per un rallentamento dell’economia mondiale e una recessione in alcuni paesi, il rafforzamento del dollaro e i nuovi pesanti lockdown della Cina causa Covid, colpiscono i prezzi del petrolio. Il greggio Wti del Texas scende dell’1,69% a 85 dollari al barile tornando così ai livelli di gennaio. Il Brent del Mare del Nord segna un calo dell’1,31% a 91,52 dollari.

Lo spread di Btp e Bund tedesco si allarga in avvio di seduta a 235 punti base rispetto ai 232,9 punti della chiusura di matedì. Resta pressoché stabile al 3,96% il rendimento del decennale italiano.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Questa è la vera Inter. Barcellona kapput

A cura di Luigi Rubino Uniti si vince. Nella  grande notte di Champions League, contro una avversario ostico come...

Prof.ssa Angela Procaccini: ’’ Vivere e lavorare all’insegna del Prossimo, della Cultura, della Legalità e della Solidarietà è un impegno che porto avanti ormai...

A cura di Ionela Polinciuc Con l’evoluzione della civiltà umana, alle abilità e competenze primarie (forza fisica, abilità, inventiva)...

Museo Novecento In occasione della FLORENCE ART WEEKpresenta PASSIONE NOVECENTODa Paul Klee a Damien Hirst

Museo Novecento  In occasione della FLORENCE ART WEEKpresenta  PASSIONE NOVECENTODa Paul Klee...

Petrolio: Opec+ taglia produzione

COMUNICATO STAMPA DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI DEL 5-10-22 Petrolio: Opec+ taglia produzione Unc: ora tutti inguaiati!

Commenti recenti