12 Maggio 2021, mercoledì
Home Italia Economia Nuova proroga per i debiti della riscossione?

Nuova proroga per i debiti della riscossione?

a cura di Alfredo Mariani

Il primo Decreto Sostegni, lo ricordiamo, con riferimento alle entrate tributarie e non tributarie, prevede la sospensione dei termini di versamento, in scadenza nel periodo dall’8 marzo 2020 al 30 aprile 2021, dei carichi affidati all’agente della riscossione e dei pignoramenti su stipendi e pensioni. La proroga servirebbe a far slittare in avanti questo termine. Una nuova proroga significherebbe bloccare la ripartenza delle cartelle esattoriali, gli accertamenti esecutivi, i fermi e gli avvisi di addebito INPS. Diversamente, da maggio riprenderanno tutte le normali attività di notifica e di  riscossione dei debiti a ruolo. Stesso discorso per i pignoramenti presso terzi (stipendio e pensione compresi), che in mancanza di nuova proroga riprendono ad avere effetto.

Per quanto riguarda la ripresa dei pagamenti, i contribuenti hanno al momento 30 giorni di tempo (fino al 31 maggio) per pagare le pendenze che si sono accumulate in questo anno di riscossione bloccata. E’ possibile chiedere una rateizzazione, per evitare l’attivazione di procedure di recupero ma è necessario presentare la domanda entro maggio.

Ricordiamo che la definizione agevolata è già prorogata al 31 luglio, termine per pagare le rate 2020, e 30 novembre, per le rate 2021. Infine, il decreto Sostegni ha previsto uno stralcio di tutte le cartelle fino a 5mila euro affidate all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010. Qui, si attende un decreto del ministero dell’Economia e delle finanze con modalità e date dell’annullamento dei debiti, nel frattempo è sospesa la riscossione di questi debiti.

In base alle anticipazioni, oltre alla proroga della Riscossione è previsto un nuovo slittamento anche per lo smart working semplificato, al momento in scadenza il 31 luglio in concomitanza con la fine dello stato di emergenza da Covid: è stato stabilito dal Decreto Riaperture (al dl 52/2021), che nell’allegato 2 proroga il lavoro agile semplificato previsto dai commi 3 e 4 dell’articolo 90 del dl 34/2020. Ma l’intenzione dell’esecutivo sarebbe quella di prolungare ulteriormente lo strumento, fino al 30 settembre 2021, in modo da dare il tempo alle imprese di programmare adeguatamente il rientro al lavoro. E di predisporre una nuova disciplina del lavoro agile nei contratti collettivi.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Il matrimonio in crisi con la pandemia

Il covid e il lockdown hanno messo e stanno mettendo a dura prova la tenuta della famiglia italiana. ...

Ue: l’Italia potrebbe crescere del 4,2 % quest’anno

Dalle previsioni economiche di primavera pubblicate dalla Commissione europea nel 2021 il Pil dell'Italia crescerà del 4,2% nel 2021 e del 4,4%...

Italia si, Italia no: le nuove forme di turismo, dalle protesi ai vaccini

Il turismo ha assunto nell’ultimo ventennio un’accezione sempre più variegata con particolare riferimento alle opportunità ed ai vantaggi che questo stesso offre....

Amministrative Letta: “A Torino e Roma nessuna possibilità di convergenza Pd-M5S”

Il segretario dem: "Due città dove nel 2016 il Pd ha straperso e dove sono andate al governo due sindache sul cui...

Commenti recenti