2 Marzo 2021, martedì
Home Italia Cronaca ONG e il loro ruolo negli ultimi sbarchi

ONG e il loro ruolo negli ultimi sbarchi

A cura dell’Avv. Sabina Vuolo

Gli sbarchi di migranti sono continui e aumenteranno ancora, solo a metà febbraio si sono avuti due sbarchi, al molo Favarolo di Lampedusa, provenienti dalla Tunisia per un totale di 99 migranti, nel mentre solo nella giornata di ieri ne sono arrivati oltre 350. Le operazioni di soccorso si sono svolte con l’ausilio della Guardia Costiera e delle Ong presenti al largo.

Ma cosa sono e cosa rappresentano le ONG, sigla che sovente viene menzionata su giornali e telegiornali, ma che in realtà a molti sono sconosciute.

Ebbene! Innanzitutto ONG sta per Organizzazioni Non Governative, ossia organizzazioni indipendenti che non percepiscono fondi dagli stati e governi se non quello della cooperazione. Sono organizzazioni su contributi volontari, donazioni, da parte di chi ne condivide i principi e le cause del loro agire potendosi trattare di privati, aziende fondazioni enti o istituzioni.

E’ chiaro che tali organizzazioni non hanno scopo di lucro e perseguono scopi di utilità sociale, alcune si dedicano all’ambiente, altre all’aiuto umanitario o alla tutela dei diritti umani, altre ancora all’infanzia. Il carattere “non governativo” è inteso come il compimento di un’attività benefica volta a colmare un vuoto nell’azione governativa.

Save the Children nata nel 1919, è la più antica Ong esistente, seguirono nel 1942 Oxfam, nel 1961 il WWF e Amnesty International. In Italia le Ong sono inquadrate come Onlus operanti nel settore della cooperazione allo sviluppo, inserite nella lista del ministero degli Esteri, iscrizione che consente di accedere a contributi della cooperazione italiana, sono presenti oltre 200 organizzazioni.

Alcune di queste dal 2013, anno della tragedia di Lampedusa e che a tutt’oggi le stragi interessano tutti gli Stati affacciati sul Mediterraneo, si sono occupate del soccorso in mare ai migranti come la tedesca Sea Watch. Il nostro paese sta dando importanza alla cooperazione in politica estera e lo dimostra che il Ministero degli Affari Esteri ha cambiato denominazione oggi è Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

L’Italia ne riconosce e promuove l’attività in base al principio della sussidiarietà, che contempla l’iniziativa autonoma per perseguire interessi generali. Le ONG cooperano con le istituzioni pur rimanendo attori non istituzionali mantenendo la propria autonomia, dandosi un proprio statuto nel quale illustrano scopi, attività, divieto obblighi e funzione degli organi societari. Lo scenario legislativo in Italia, ad oggi, è in evoluzione stante la revisione dei due decreti sicurezza in itinere avente ad oggetti la riforma del sistema di accoglienza, il ritorno della protezione umanitaria e la cancellazione delle multe milionarie delle ONG.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Varianti Covid19, cosa non convince

a cura di Maria Parente Varianti è la più aggiornata denominazione che siamo soliti ascoltare per identificare il Covid19....

Boxe: A Milano Boxing Night, vince l’italiano Daniele Scardina

Qualche giorno fa, all’evento 'Milano Boxing Night', dove viene consegnato il titolo dell'Unione Europea dei pesi supermedi, l’italiano Daniele Scardina ha battuto lo...

‘Gomorra’ iniziate le riprese della quinta stagione

Sky ha finalmente diffuso le prime immagini della quinta e ultima stagione di Gomorra. Nello scatto si vedono i due attori principali...

Oroscopo dal 1°al 7 marzo

Ariete: Settimana di soddisfazioni. In amore, dovete aumentare il dialogo con il partner. In ufficio, date al via alla creazione di nuovi...

Commenti recenti