4 Marzo 2021, giovedì
Home Mondo Politica nel Mondo Usa,dieci giorni di Biden e Trump resta solo un ricordo

Usa,dieci giorni di Biden e Trump resta solo un ricordo

Da quasi dieci giorni gli Stati Uniti hanno un nuovo presidente, molto diverso dal suo predecessore. In questi giorni i giornali americani stanno raccontando i vari aspetti in cui l’amministrazione Biden sta cercando di segnare una netta discontinuità, non solo simbolica, con quella del suo predecessore in carica fino a pochi giorni fa. Uno dei cambiamenti più visibili all’interno della Casa Bianca, per esempio, è stata l’installazione di vetri di plexiglas nell’ala riservata ai collaboratori più stretti del presidente, per limitare l’eventuale diffusione del coronavirus. Tutti i dipendenti della Casa Bianca sono inoltre obbligati a indossare una mascherina e sono regolarmente sottoposti a test del tampone. Un altro tratto di discontinuità dell’amministrazione Trump fu quello di lasciare scoperti centinaia di incarichi nel governo federale, soprattutto nei primi tempi: un po’ per l’approccio minimalista dei Repubblicani nei confronti delle autorità centrali un po’ perché in seguito a un’iniziale rimozione dei funzionari e dipendenti assunti dalle amministrazioni Democratiche non seguì una estesa campagna di assunzione.

L’amministrazione Biden, al contrario, fin dai primi giorni «è arrivata a Washington non solo con un programma per ogni dipartimento e agenzia, ma con grafici che spiegavano esattamente chi dovesse fare cosa», continua il New York Times. In tutto sono già stati riempiti un migliaio di incarichi di nomina politica nei vari organi federali, circa un quarto dei posti disponibili. Fra i nuovi arrivati la più esposta è stata sicuramente Jen Psaki, il nuovo capo dell’ufficio stampa della Casa Bianca. Psaki ha 42 anni ma lavora in politica da una vita: fu la giovanissima addetta stampa di Barack Obama durante la campagna elettorale del 2008, poi ricoprì varie posizioni nella Casa Bianca fino a diventare responsabile della comunicazione fra il 2015 e il 2017.

Nella presa di posizione più importante fin qui Biden ha reintegrato gli Stati Uniti nell’Accordo di Parigi sul clima, e annunciato che ad aprile diffonderà nuovi obiettivi sulla riduzione di emissioni nette; ma ha anche cancellato il divieto per le persone transgender di servire nell’esercito, fermato la costruzione del muro col Messico, e cancellato il noto travel ban, le limitazioni alla concessione di visti per l’ingresso negli Stati Uniti ai cittadini di alcuni paesi africani e a maggioranza musulmana. Nelle prossime settimane, tradizionalmente le più favorevoli per un presidente neoeletto dal punto di vista del consenso, ci si aspetta che lavori a un nuovo piano di ristori e soprattutto al pacchetto da duemila miliardi di dollari promesso in campagna elettorale per accelerare la transizione verso un’economia più sostenibile e rinnovare al contempo le principali infrastrutture federali.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commercio online: l’evoluzione delle normative

A cura di Giuseppe Catapano  La continua evoluzione del commercio online e l’incremento dell’utilizzo delle piattaforme digitali degli ultimi...

Si può chiedere il bonus pubblicità per l’anno 2021?

Dal 1 al 31 marzo sarà possibile richiedere il bonus pubblicità. Utilizzando i servizi disponibili nell'area riservata del sito...

Posso liberarmi di una garanzia prestata per un mutuo ?

Senza l’accordo del creditore (la banca attuale o un eventuale nuovo istituto di credito se si sceglie la surroga), e senza che siano...

Si può abbandonare la casa coniugale?

L’abbandono del tetto coniugale è considerato un illecito contrario al matrimonio, da cui possono scaturire conseguenze, non solo di carattere civile, ma anche...

Commenti recenti