18 Gennaio 2022, martedì
Home Italia Cronaca Vaccino Covid19, la riduzione delle dosi Pfizer e somministrazione di Moderna: come...

Vaccino Covid19, la riduzione delle dosi Pfizer e somministrazione di Moderna: come si procede in Italia

A partire da lunedi 18 gennaio come annunciato da Pfizer, le consegne ai Paesi dell’Ue delle dosi di vaccino anti-Covid, prodotto e sviluppato in collaborazione con BioNTech, subiranno dei rallentamenti, a causa di “alcune modifiche ai processi di produzione” riguardanti lo stabilimento di Puurs, in Belgio. “I ritardi riguardano anche il nostro Paese. Precisamente all’Italia verrà detratto il 29% di fiale di vaccino rispetto alla pianificazione iniziale”: queste le dichiarazioni di Domenico Arcuri a cui è affidata la struttura Commissariale italiana per l’emergenza Covid. Quali conseguenze per l’Italia? La conseguenza sarà che alcune Regioni, tra cui ad esempio Abruzzo e Umbria, non subiranno perdite. Ma altre saranno in difficoltà, come il Friuli-Venezia Giulia dove le dosi di vaccino saranno dimezzate, oppure Lombardia ed Emilia-Romagna, dove ne arriveranno 25 mila in meno. La Pfizer comunque tende a rassicurare tutti: la distribuzione tornerà alla normalità entro il 25 gennaio. All’Italia, infatti, arrivano 397.800 dosi (calcolandone 6 per ogni fiala, anziché 5), 164.970 in meno di quelle pattuite (-29%). La situazione, invece, preoccupa maggiormente i governatori delle Regioni con i tagli più significativi. Ad esempio il Friuli Venezia Giulia riceverà il -53,8% suscitando sdegno da parte, secondo il suo presidente, Massimiliano Fedriga. In pratica, fino al prossimo rifornimento, l’Italia avrà a disposizione circa 700mila dosi. Le fiale in arrivo oggi, salvo imprevisti, dovrebbero permettere comunque di non dover cambiare vaccino per il richiamo ricorrendo a Moderna, l’altro tipo di profilassi ora disponibile. Una soluzione “davvero sconsigliabile” per Arcuri, secondo cui “è bene” anche rispettare “l’intervallo di tre settimane fra prima e seconda dose”.

MODERNA PARTE DALLA TOSCANA-Oggi in Toscana è iniziata la somministrazione del vaccino contro il coronavirus sviluppato dall’azienda statunitense Moderna, il cui utilizzo era stato autorizzato dall’Agenzia italiana per il farmaco lo scorso 7 gennaio. Non è chiaro come mai le somministrazioni di questo vaccino siano iniziate proprio in Toscana: presumibilmente perché è considerata una delle regioni più virtuose, dove le vaccinazioni stanno procedendo a ritmo sostenuto. I primi a essere vaccinati col vaccino di Moderna saranno gli operatori dei servizi di emergenza-urgenza e i volontari impegnati nei trasporti sanitari, mentre le dosi disponibili del vaccino di Pfizer-BioNTech continueranno a essere utilizzate per vaccinare il personale ospedaliero, i medici di famiglia e gli ospiti delle residenze per anziani.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

UNA FANTASTICA CROCIERA PER UNA COPPIA INNAMORATA

“Con molto piacere mi presento ai lettori di questa prestigiosa rivista, sono Lidia De Maio, meglio conosciuta come la Sabrina Ferilli napoletana,...

Torna per il 2022 L’Asse Culturale Spoleto-L’Aquila

Il Menotti Art Festival Spoleto ha siglato un importante protocollo d'intesa per la cooperazione culturale tra Umbria ed Abruzzo con particolare riferimentoalla...

L’allarme dei presidi: “Il 50% delle classi è in dad”

"La nostra stima è del 50 % di classi in Dad. Aspettiamo ora la pubblicazione di dati ufficiali". Lo ha detto a Radio...

È calato nel 2021 il numero di auto vendute in Europa, ma l’Italia fa eccezione

Nuovo tonfo per le vendite di auto nuove in Europa, frenate dalla crisi pandemica e dalla carenza di chip, secondo i dati pubblicati...

Commenti recenti