24 Novembre 2020, martedì
Home Consulente di Strada Parenti detenuti o ricoverati: le regole nelle zone arancioni

Parenti detenuti o ricoverati: le regole nelle zone arancioni

Sono consentiti gli spostamenti per fare visita alle persone detenute in carcere nelle  zone arancioni?

 In orari compresi tra le 5.00 e le 22.00 tali spostamenti sono consentiti solo in ambito comunale, essendo vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai comuni delle regioni dell’area “arancione”. Conseguentemente tali spostamenti sono interdetti per chi si debba muovere da un comune diverso da quello in cui si svolge la detenzione e, per costoro, i colloqui possono perciò svolgersi esclusivamente in modalità a distanza, ai sensi dell’art. 221, comma 10, del d.l. 19 maggio 2020, n. 34, come sostituito dalla legge di conversione 17 luglio 2020, n. 77, che consente i colloqui a distanza mediante apparecchiature e collegamenti di cui dispone l’amministrazione penitenziaria e minorile o mediante corrispondenza telefonica, anche oltre i limiti stabiliti dalle norme dell’ordinamento penitenziario.

Sono consentiti gli spostamenti per fare visita alle persone ricoverato in una struttura detentiva a carattere ospedaliero nelle  zone arancioni?

Fermo quanto esposto nella FAQ relativa con riferimento alla possibilità di spostamenti per far visita alle persone detenute, per quelle ricoverate in una struttura detentiva a carattere ospedaliero sussiste l’ulteriore limitazione per cui l’accesso in dette strutture detentive ospedaliere da parte dei parenti di pazienti ivi ristretti è consentito solo nei casi e con le modalità individuati dalla Direzione sanitaria della struttura stessa, per cui occorre preventivamente informarsi presso la Direzione per sapere se l’accesso sia o meno consentito e, in caso affermativo, a quali condizioni.

Chi è sottoposto alle misure della quarantena o dell’isolamento,nelle  zone arancioni si può spostare?

No, è previsto il “divieto assoluto” di uscire di casa per chi è sottoposto alla misura dell’isolamento, essendo risultato positivo al virus, o della quarantena precauzionale qualora sia stato identificato come contatto stretto di caso COVID-19. In tale ultimo caso è consentito uscire, utilizzando un mezzo privato, esclusivamente al fine di effettuare gli accertamenti diagnostici prescritti dal medico, evitando i contatti con altre persone e osservando scrupolosamente tutte le misure precauzionali, tra cui l’obbligo di indossare la mascherina.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Francia, secondo lockdown, come va l’economia del Paese?

Come sta procedendo l’economia della Francia, una buona notizia c’è, finalmente si sta abbassando l’indice rt di contagio. Comunque, occupiamoci dell’altro lato....

Regno Unito: pronta a ripartire dopo il lockdown bis

Il Regno Unito è pronto a ripartire. Il prossimo 2 dicembre finisce il lockdown bis iniziato lo scorso 5 novembre. Ci sarà...

Scuole? Ancora dubbi sull’aperture.

Ancora problematiche su ‘quando inizierà’ la scuola. La ministra Lucia Azzolina ha sottolineato ancora una volta: "Non possiamo immaginare a dicembre di...

Veneto, Governatore Zaia: ‘Abbiamo approvato le linee guida per l’apertura delle piste di sci’

In quest’inverno con la chiusura delle piste da scii, andranno a perdere parecchio. Ma il Governatore del Veneto Luca Zaia ha tranquillizzato...

Commenti recenti