Porto Marghera, incendio in un’azienda chimica.

Stamattina, si è verificato un grave incendio alla 3V Sigma di Malcontenta, azienda specializzata in prodotti chimici. Il Comune di Venezia subito ha invitato tutti i cittadini di star a casa e chiudere tutte le porte e finestre. Soltanto nel primo pomeriggio l’incendio è terminato.

Nel frattempo, sul posto sono giunti vigili del fuoco, ambulanze, forze dell’ordine e protezione civile. Solo due persone sono rimaste coinvolte e purtroppo hanno riportato grave ferite per le ustioni, quindi sono stati trasportati subito nei centri di ustione situati a Padova e Verona. Il resto dei lavorati risultano meno gravi, hanno subito solo un’intossicazione

L’incendio ha fatto si che si formassero nubi nere visibili anche a Mestre e Venezia. L’assessore regionale Bottacin ha spiegato che «l’Arpav sta facendo indagini a tutto campo per verificare le sostanze che stanno bruciando. È possibile che si tratti di acetone, ma è una notizia non ufficiale e non verificata». Sembrerebbe che che uno degli impianti che si è acceso fosse proprio in manutenzione.  Nel frattempo il sindaco Luigi Brugnaro ha tranquillizzato la poplazione: «Manteniamo la prudenza e aspettiamo i dati dell’Arpav, ma non abbiamo motivo di allarme ulteriore, la popolazione non è in pericolo».

Per concludere, il presidente della Municipalità di Marghera Gianfranco Bettin ha affermato:  ‘’Il grave, impressionante incendio che da questa mattina infuria sulla 3V Sigma è in un certo senso un incendio, un disastro, annunciato. Solo pochi mesi fa, infatti, i lavoratori avevano scioperato per la sicurezza, denunciando tra l’altro l’insufficienza degli impianti anti incendio. (..). La mancanza di investimenti adeguati, sia sul ciclo produttivo che sulla sicurezza interna, dei lavoratori e degli impianti, rende la situazione pericolosa. Come drammaticamente questa mattina si è dimostrato. (..)’’

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

Cagliari: giovani arrestati per l’abuso di sostanze pericolose

Dei giovani ragazzi frequentatori di palestre sono stati istigati dai personal trainer...
Read More