16 Settembre 2021, giovedì
Home TV & Gossip "Io sono Alberico":la rivoluzionaria strategia del dr.Lemme

“Io sono Alberico”:la rivoluzionaria strategia del dr.Lemme

” Non ho creato un personaggio, io sono un personaggio, io non sono un Alberico.  Io sono un Alberico.”

Dopo una severa parentesi vittima di Coronavirus, il dott. Lemme torna a far parlare di sé e durante l’ultima apparizione televisiva, nel salotto di Live non è la D’Urso di domenica 26 aprile, appare diverso, cambiato.
In molti si chiedono se il cambiamento sia da attribuirsi al terribile virus o se il personaggio sia stato studiato a tavolino per l’occasione.

In un articolo tratto dal sito giornalepopolare.it, il dr. Lemme osa, riportando una riflessione critica del professionista che avremo modo di incontrare prossimamente:

“L’immagine mostrata dal 2016 ad oggi, quella del dr. Lemme trash, buffone, ciarlatano, per niente credibile, montato ad arte è stato voluto e costruito , vi spiego il perché.

La mia prima apparizione in tv risale al 2005, una puntata di “Porta a Porta” con il mitico Bruno Vespa. Sino al 2015 ho varcato quella prestigiosa porta per altre sette volte. Poi è stato tutto un susseguirsi di inviti e partecipazioni a trasmissioni di Rai, Mediaset, La7 e un numero imprecisato di tv locali. Nonostante le mie scoperte e le tante verità scientifiche in campo dietologico fossero conclamate e parlassero di un dimagrimento sano, senza nessuna privazione, con risultati strabilianti da guinness dei primati, come 90 kg persi in 9 mesi, mangiando a sazietà, usando per condire olio a volontà, notavo che tutto questo non destava nessun interesse o curiosità per gli addetti ai lavori (medici dietologi, nutrizionisti), men che meno da parte del popolo dei ‘ciccioni’.

Allora mi sono chiesto: come faccio a trasmettere e far capire all’opinione pubblica che le mie conoscenze scientifiche e le mie scoperte in campo alimentare sono una vera svolta per la dietologia medica e possono risolvere il problema dell’obesità in Italia e nel mondo?
La mia risposta è stata: mi occorre popolarità anche a discapito della credibilità. 

Dunque l’immagine mostrata davanti alle telecamere è frutto di una scelta strategica di comunicazione, consapevole e precisa. Una sorta di esperimento sociale a livello di promozione e divulgazione ideata dallo stesso dr. Lemme: l’esperimento può dirsi perfettamente riuscito su tutta la linea.

Il secondo step nella pianificazione del mio modo di comunicare lo sto mettendo in atto e consiste nel farvi percepire un altro dr. Lemme, per dimostrarvi con i fatti che cambierà il pensiero dell’opinione pubblica nei miei confronti.
Ad oggi , tutte le persone che si sono fidate della mia “pazzia”, perdendo peso mangiando a sazietà, mi considerano un insegnante. Insegno, infatti, come curarsi con il cibo, come prendersi cura di sé mangiando. Attivo così il risveglio delle loro coscienze. Chi mi segue è in grado di andare per la sua strada senza più bisogno di chiedere nulla, né a me né ad altri. Tutto questo al giorno d’oggi è insolito. Io sono l’unico professionista al mondo che, in campo alimentare, mi ritrovo ad insegnare alle persone come curarsi con il cibo e lasciando loro la consapevolezza di rimanere liberi anche dal rendersi fedeli e stabili come clienti. Consumatori, ricordatevi, la verità è rivoluzionaria e vi rende liberi!

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Teano: cornice di un set cinematografico

Ottobre 2021 si concluderà la prima puntata della serie TV:  "To te conquest of Love", scritta e diretta da Cucciniello Michele.

Covid oggi Italia, Gimbe: “In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati”

Il report: "Scendono nuovi casi, ricoveri ordinari e in terapia intensiva" "In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati" contro il...

Green pass, Sindacati: ‘Dal governo obbligo per statali e privati’

Green pass obbligatorio per entrare in tutti i luoghi di lavoro. Ecco la scelta del governo, sul fronte della lotta al Covid.

Champions: Juve 3-0 in casa Malmoe, Atalanta 2-2 col Villarreal

I bianconeri si riscattano dopo le delusioni di inizio campionato, la Dea evita il k.o. nel finale con Gosens.

Commenti recenti