23 Giugno 2021, mercoledì
Home Italia Cronaca La città e il coronavirus: cosa cambierà

La città e il coronavirus: cosa cambierà

Pensare alla città dopo la pandemia è sicuramente operazione articolata e complessa in questo clima di ansia e di paura ma nemmeno impossibile.

Il distanziamento sociale che stiamo sperimentando in questo giorni di grande emergenza probabilmente durerà ben più di qualche settimana: con molta probabilità, esso accompagnerà la nostra vita  e il lavoro per il futuro e forse per sempre!

Dopo questa pandemia molto cambierà perche come ha affermato il Papa in questi giorni: “Vivevamo bene in un mondo malato…”;  parole su cui non possiamo non fermarci e riflettere!

Sono in tanti a parlare di un futuro  e di un ritorno alla normalità, ipotizzando una sorta di rewind di un pezzo della nostra vita, ma siamo proprio sicuri che vogliamo tornare esattamente dove ci siamo fermati?

Siamo proprio certi di avere la necessità di tornare al mondo, alla società e alla vita di prima?

O forse sarebbe più opportuno, in un confronto dialettico fra tante realtà professionali,  fermarsi a ripensare a quella normalità che probabilmente oggi scopriamo che era essa stessa un problema?

Ripensare la nostra società, il nostro lavoro, le nostre città: questo il nostro appuntamento inevitabile.

E’ proprio di questi giorni la dichiarazione del noto architetto  Renzo Piano: “Ci sarà da costruire un mondo migliore, e in questo gli architetti hanno un ruolo importante”.

In un’ottica infatti in cui il distanziamento sociale possa diventare la regola, bisognerà ripensare tutti gli ambienti di quella normalità e società ormai passati: la città, le attrezzature, la casa. Ed allora bisognerà rivedere  gli standards minimi dell’abitabilità per consentire un maggiore confort nel caso di futuri auto-isolamenti; incrementare la risposta sociale  e residenziale per le persone in difficoltà;  rivedere  e ripensare inevitabilmente all’ assetto degli ospedali, con filtri in entrata e in uscita, reparti totalmente destinati alla cura delle pandemie e resi indipendenti dal restante nosocomio; ritornare a valorizzare i negozi di vicinato in un’ottica ormai che svolge verso la  conclusione dell’era dei centri commerciali.

In questo meandro futuristico, spetterà un ruolo primario all’architetto e alla sua capacità di trasformare in poesia ogni necessità tecnica e tecnologica. 

Concetta Marrazzo, architetto

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Euro 2020. Sarà Austria-Italia agli ottavi. Danimarca, che impresa!

L'Austria vince e si regala l’Italia agli ottavi di finale, l'Ucraina spera nel ripescaggio tra le quattro migliori terze. A Bucarest, gli uomini...

Via libera al Piano italiano, oggi il suggello dalla Von der Leyen a Cinecittà

I voti della Commissione europea sul piano di rilancio nazionale sono alti e assicurano all'Italia 25 miliardi di euro entro luglio. Ed...

Variante Delta: focolaio tra Piacenza e Cremona, 24 casi

L'Asl di Piacenza in sei giorni ha sequenziato, rintracciato e isolato 24 casi di variante Delta, la mutazione del virus del Covid...

OROSCOPO SETTIMANALE: DAL 21 AL 27 GIUGNO

ARIETE: Vi attende una settimana buona. In amore, c’è qualcosa non va e non riuscite a lasciarvi andare. Non lasciatevi prendere dalla...

Commenti recenti