80 euro in più in busta paga a partire da luglio 2020

Dato l’ok dal Consiglio dei ministri al decreto per il taglio del cuneo fiscale sulle buste paga dei lavoratori dipendenti. Il bonus di 80 euro non verrà trasformato in detrazione fiscale: per i redditi fino a 28mila euro lordi il governo ha deciso di mantenere la formula del bonus “limitandosi” ad allargare la platea e ritoccare l’importo: 100 euro anziché 80. 

“Sarebbe stato assurdo cambiare metodo per 6 mesi. Poi dal 2021, con la riforma complessiva Irpef, il bonus verrà definitivamente sostituito” ha spiegato il portavoce del M5s in Commissione Bilancio alla Camera.

Il “bonus Renzi” spetta ai dipendenti che fanno parte nella fascia di reddito compresa tra gli 8.200  ei 24.600 euro, invece per coloro che guadagnano fino a 26.600 euro hanno di diritto solo a una parte di bonus.Immagine correlata

Con il nuovo decreto legge le cose cambieranno: 

  • A partire da luglio 2020 l’importo del “bonus Irpef” sarà di 100 euro invece che 80.
  • Il bonus verrà erogato, in misura piena, a tutti i dipendenti nella fascia di reddito compresa tra 8.200 e 28.000 euro.

A salire ancora, secondo una nota da Palazzo Chigi: “Per i redditi a partire da 28.000 euro, si introduce invece una detrazione fiscale equivalente che decresce fino ad arrivare al valore di 80 euro in corrispondenza di un reddito di 35.000 euro lordi. Oltre questa soglia, l’importo del beneficio continua a decrescere fino ad azzerarsi al raggiungimento dei 40.000 euro di reddito”.

fonte: www.today.it
Written By
More from Redazione

Maturità,il grande giorno. Il ministro Azzolina: “Felice di veder le scuole aperte”

Maturità, è il grande giorno. Da stamattina alle 8.30 in 2.700 licei...
Read More