14 Giugno 2021, lunedì
Home Consulente di Strada Come si rinuncia all’eredità?

Come si rinuncia all’eredità?

Come si rinuncia all’eredità?

Risponde il Prof.Giuseppe Catapano

consulentedistrada@gmail.comRisultati immagini per eredità rinuncia

Per comprendere cosa accada se si rinuncia all’eredità, è indispensabile innanzitutto capire in che modo sia possibile rinunciare all’eredità.

Bisogna premettere che nel momento in cui una persona viene a mancare, il suo patrimonio non diventa automaticamente di proprietà degli eredi: infatti sia gli eredi designati nel testamento che quelli designarti dalla legge andrebbero più correttamente definiti chiamati all’eredità.

Infatti sia il testamento che la legge, nel momento in cui una persona muore, si limitano ad individuare, cioè a chiamare a succedere, delle persone che diventeranno proprietarie dei beni del defunto ma soltanto se accetteranno l’eredità: essi potranno, invece, anche rinunciare all’eredità e, in tal caso, non saranno mai state, nemmeno per un attimo, proprietarie dei beni ereditari.

Fino al momento in cui non ci sarà stata accettazione dell’eredità, ci saranno solo dei chiamati all’eredità che dovranno decidere se accettarla o rinunciarvi.

Detto questo, bisogna precisare che la rinuncia all’eredità:

  • si può fare solo dopo l’apertura della successione (cioè solo dopo la morte della persona della cui eredità si tratta e mai prima);
  • si fa con una dichiarazione solenne che il chiamato all’eredità fa ad un notaio o al cancelliere del tribunale del luogo dove la persona che è deceduta aveva il suo ultimo domicilio (la dichiarazione viene poi inserita nel registro delle successioni tenuto presso il medesimo tribunale) ;
  • non può contenere né condizioni né termini (non si può dire, ad esempio, che si rinunciaa condizione che avvenga un determinato evento o che si rinuncia a partire da una specifica data) ;
  • non può essere parziale (cioè non si può dichiarare di rinunciare solo ad una parte di eredità; si può solo rinunciare a tutta intera l’eredità) ;
  • si può revocare fino a quando non è prescritto il diritto di accettare l’eredità (dieci anni dall’apertura della successione) a meno che, nel frattempo, essa non sia stata acquistata da altri chiamati .
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Il lato positivo di un conflitto

A cura di Giuseppe Catapano  Il conflitto può essere definito come una divergenza nella quale ciascuno degli attori coinvolti vuole imporre...

COMUNICATO STAMPA

I WEEKEND DEL GUSTO A VILLA TERZAGHI Riviera Romagna sul Naviglio Grande La Romagna a due...

La diffamazione in buona fede è reato?

Ebbene, come chiarito più volte dalla giurisprudenza, presupposto del reato di diffamazione è il cosiddetto «dolo generico» ossia una “malafede attenuata”. Non è cioè...

Morta la 18enne vaccinata con AstraZeneca

E' morta la 18enne ricoverata al San Martino di Genova per una trombosi. La giovane aveva fatto pochi...

Commenti recenti