17 Giugno 2021, giovedì
Home Sport Napoli-Lazio 2-1: quattro pali, Callejon e Milik battono Immobile

Napoli-Lazio 2-1: quattro pali, Callejon e Milik battono Immobile

Senza quattro titolari, ma con lo spirito di sempre e la lucidità dei giorni migliori. Pur privo di Koulibaly, Hamsik, Allan e Insigne il Napoli supera la Lazio e, almeno per una sera, si porta a sei punti dalla Juve. Vittoria netta e meritata, molto più di quanto dica il punteggio finale. Oltre ai due gol il Napoli colpisce infatti ben quattro pali (i primi due sullo 0-0, gli altri due sul 2-0) e confeziona almeno altre tre palle-gol nitide. Supremazia costante quella dei padroni di casa, interrotta solo a tratti dalla Lazio. Se un neo c’è per i partenopei è quello di non aver chiuso la gara e averla tenuta aperta fino alla fine nonostante la superiorità numerica avuta negli ultimi venti minuti di gioco per l’espulsione di Acerbi. La squadra di Ancelotti si conferma in ogni caso squadra solida e capace anche di saper soffrire oltre che di produrre bel gioco. Ancora una sconfitta contro una grande invece per la Lazio di Inzaghi. Un tabù che si manifesta soprattutto nel primo tempo nel corso del quale la squadra di Inzaghi resta in balia degli avversari. Un po’ meglio nella ripresa, ma non fino al punto di recuperare il risultato. E così la formazione biancoceleste scivola fuori dalla zona Champions.
La partita resta in bilico fino alla mezzora, ma l’equilibrio reale c’è solo nei primi dieci minuti nel corso dei quali le squadre si studiano e si annullano. In questo periodo è anzi la Lazio a rendersi più pericolosa, con il colpo di testa di Milinkovic su cross di Leiva (Meret si supera per respingerlo, ma il serbo potrebbe fare meglio a tu per tu col portiere). Poi il Napoli prende il controllo del centrocampo grazie agli strappi di Fabian Ruiz e all’attenta copertura di Diawara e la partita fino all’intervallo diventa un monologo dei padroni di casa. Che sfiorano due volte il gol con Milik, fermato dal palo prima al 12′ (splendida girata al volo su cross di Mario Rui) e poi di nuovo al 22′ (colpo di testa in tuffo su assist di Zielinski). I padroni di casa vanno vicini al vantaggio anche con Fabian Ruiz e di nuovo Milik (tiri dalla distanza che escono di un soffio). Il gol è insomma nell’aria quando effettivamente arriva. Succede al minuto 34 grazie a Callejon che finalmente si sblocca (prima marcatura stagionale): non poteva accadere che contro la Lazio, che punisce per la sesta volta (e diventa così la sua vittima preferita). L’assist per lo spagnolo è di Mertens, l’esecuzione, da poco dentro l’area, perfetta. Callejon è poi determinante quattro minuti dopo anche per il 2-0, perché si procura la punizione dal limite (fallo di Acerbi) che Milik trasforma in maniera magistrale (palla all’ incrocio dei pali con Strakosha impossibilitato a intervenire).
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Salvini: “Chiederò a Draghi stop mascherine all’aperto”

Con l'Italia che si avvia alla zona bianca totale, il Governo è ora alle prese con il nodo principale: l'eventuale proroga dello Stato...

Denise Pipitone, Piera Maggio all’ex pm: “Piano con le segnalazioni”

L'invito della madre della piccola scomparsa 17 anni fa a Mazara del Vallo in Sicilia: “Credo alla buonafede della...

Italia, altri 3. È già agli ottavi

Altra notte azzurra all'Olimpico di Roma. E altro 3-0. L’ Italia sbarca agli ottavi di finale di Euro 2020 con un turno...

COMUNICATO STAMPA

Occhiuto candidato governatore del centrodestra: la soddisfazione di Gallo Il coordinatore provinciale forzista: «Roberto l’uomo giusto al momento giusto»

Commenti recenti