28 Febbraio 2021, domenica
Home Italia Economia Alitalia-Fs, un matrimonio che spaventa: “Rischio paralisi dei trasporti” 

Alitalia-Fs, un matrimonio che spaventa: “Rischio paralisi dei trasporti” 

Immagine correlata

Il destino di Alitalia è ancora tutto da scoprire, ma la strada più ‘battuta’ dal Governo per salvare la compagnia aerea porta ad un nuovo piano industriale che prevede il coinvolgimento di Ferrovie dello Stato, oltre ad altri partner internazionali e allo stesso ministero dell’Economia e delle Finanze che dovrebbe prendere una quota intorno al 14%. Un piano che sarà oggetto della trattativa con l’Unione europea, ma che potrebbe nascondere degli aspetti negativi da non sottovalutare, con effetti sull’intero sistema dei trasporti italiano. A lanciare l’allarme è Federcontribuenti, che pone l’accento sul ‘viziaccio’ di nazionalizzare i debiti: “Quest’anno Alitalia accumulato 450 milioni di euro di debiti, mentre le Fs hanno un utile fermo a 420 milioni di euro; questi numeri ci dicono che incorporare Alitalia nelle Fs porterà quest’ultima in debito e pensare di sprecare denaro pubblico per salvare una compagnia di bandiera incapace di competere con i competitor low cost, mentre le nostre ferrovie versano, in troppi tratti, in condizioni vergognose, è da folli”.

La paura palesata dall’associazione dei contribuenti è che la condizione in cui versa Alitalia possa andare a pesare su tutto il sistema, con il rischio di una paralisi: “Alitalia versa in una situazione drammatica, non solo per i debiti ma anche per l’incapacità di immaginare un futuro competitivo in tema di trasporti pubblici. Manca un piano olistico di rilancio e di sviluppo capace di competere con i partner stranieri e l’idea del governo di incorporare la società Alitalia dentro le Ferrovie di Stato, al 100% della Nazione, rischia di paralizzare tutto il sistema trasporti a livello nazionale”.

Nessun vero imprenditore, rileva l’associazione dei consumatori e dei contribuenti italiani “azzarderebbe un simile acquisto. Il governo, dopo aver bocciato tutte le proposte estere, per rilevare Alitalia, attraverso i Commissari, ha accettato l’offerta presentata da Ferrovie dello Stato Italiane. Ricordiamo che si parla di investire denaro pubblico e ricordiamo che, Fs riceve contributi per la gestione della rete, per alcuni servizi a lunga percorrenza e per quelli regionali. Creare un unico gruppo con Alitalia farebbe confluire le perdite di Alitalia dentro il gruppo FS, che è sussidiato dallo Stato, senza alcun beneficio per i consumatori”.

Alitalia come tutto il sistema Paese non è stata capace di leggere il futuro, finendo in guai grossi. Dal 1 aprile del 1997 il mercato aereo europeo è stato completamente liberalizzato e se nel 1997 volavano in Italia 53 milioni di passeggeri nel 2017 sono saliti a 144 milioni, ma l’85% di questi 144 milioni ha volato con la formula low cost

a cura di Giuseppe Cascella

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Usa, chi sono i miliziani colpiti da Biden in Siria

 La prima azione militare dell'amministrazione di Joe Biden nella zona orientale della Siria, al confine con l'Iraq, ha colpito due milizie sostenute dall'Iran, Kataib Hezbollah e Kataib...

Vaccino Covid, dagli Usa via libera definitivo al monodose di Johnson&Johnson

Dagli Stati Uniti è in arrivo un terzo alleato nella battaglia contro il coronavirus. Nella giornata di sabato la Food and Drug...

Serie A. La Juve frena, la Lazio cade a Bologna

Negli anticipi della 24° giornata, la Juve non va oltre il pareggio in casa del Verona, la Lazio perde 2-0 sul campo del...

Sanremo 2021: nella seconda serata ci sarà Alex Schwazer

Quest’anno alla 71esima edizione di Sanremo ci saranno molti protagonisti a livello sportivo. Iniziando da Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, è stato...

Commenti recenti