1 Marzo 2021, lunedì
Home Motori MotoGp Austria, Rossi: «Lavorato bene ma sarà dura»

MotoGp Austria, Rossi: «Lavorato bene ma sarà dura»

TORINO – Quinta presenza in Austria per Valentino Rossi, con il Dottore pronto a sfatare il tabù del podio, mai raggiunto sul circuito austriaco nella lunga militanza in MotoGP. Rossi sa bene che l’appuntamento austriaco rappresenta un’insidia: a ricordarlo, in maniera eloquente, l’andamento del gran premio dello scorso anno che, come ribadito dallo stesso VR46, lo ha visto soffrire particolarmente. Eppure le parole del pilota Yamaha nel corso della conferenza di Spielberg, per quanto realiste e concrete, hanno lasciato spazio a dosi di ottimismo. E alla solita garanzia che il Dottore rende esplicita con i fatti in ogni occasione: lui ce la metterà tutta per portare a casa il massimo.Risultati immagini per valentino rossi

PISTA DIFFICILE «E’ una pista molto difficile, l’anno scorso è stata una delle gare più complicate, non sono mai salito sul podio qui, dobbiamo cercare di fare tutto al massimo curando i minimi dettagli, soffriremo un po’ più del solito. A Brno ho cercato di salire sul podio, ma gli altri sono stati più veloci di me. Lunedì abbiamo lavorato tanto ma non siamo riusciti a migliorare granché quindi non cambierà molto per noi. Ho ben chiaro qual è il nostro problema ma non è semplice. E’ importante che la Yamaha lavori, abbiamo bisogno di tempo, ma speriamo di migliorare entro la fine della stagione».

MOTO O STRATEGIA? «Cambiare la moto o la strategia? Se sei bravo riesci a dare il massimo con il tuo assetto, io credo di aver lavorato bene con la mia squadra e siamo riusciti a ottenere il massimo, quindi non so se sia il caso di provare qualcosa di diverso. L’obiettivo è raggiungere i risultati continuando a lavorare in questa direzione. Detto questo, va tenuto conto del fatto che adesso la differenza in gara la fanno le gomme. Con le Michelin bisogna gestire le gomme per arrivare alla fine con più gomma».

NOVITA’ «Diciamo che la nuova carena è molto diversa dall’esterno. Brno non è la pista migliore per usarla perché è molto larga e veloce, ma se utilizzi quella carena devi portarla avanti per tutta la stagione, quindi continuerò con quella che ho usato finora da qui alla fine del mondiale».

a cura di Cesare Cilvini

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Pandemia e residenza fiscale

a cura di Pasquale Giordano  L’emergenza epidemiologica covid-19 e le misure adottate a livello nazionale ed internazionale per il...

L’Inter è in fuga. Cagliari e Udinese, squilli salvezza

Nel pomeriggio domenicale di serie A, l'Inter domina il Genoa e lo batte per 3-0. Giornata nera per le due genovesi (anche...

Opere d’arte e libera circolazione

A cura di Luca Filipponi Direttore  Il Decreto Ministeriale 246/2018 ha stabilito regole precise sulla documentazione...

Usa, chi sono i miliziani colpiti da Biden in Siria

 La prima azione militare dell'amministrazione di Joe Biden nella zona orientale della Siria, al confine con l'Iraq, ha colpito due milizie sostenute dall'Iran, Kataib Hezbollah e Kataib...

Commenti recenti