Le sfide vinte e perse dalla scienza nel 2017

Come ogni anno, facciamo il punto dell’anno che sta chiudendo dal punto di vista scientifico. Forse un anno con meno notizie da prima pagina – niente bosoni di Higgs, per capirci. Eppure sempre ricco di meraviglie e perplessità, di ombre e luci sul futuro della Terra e dell’umanità.higgs_bosone_università_bologna_erIl Nobel per la rilevazione delle onde gravitazionali era stato assegnato da pochi giorni quando la comunità scientifica, a ottobre, è stata attraversata da un’altra scossa, sia nello spaziotempo che nelle nostre conoscenze dell’Universo: la rilevazione contemporanea, gravitazionale e ottica, della fusione di due stelle di neutroni. Un evento di straordinaria importanza scientifica per numerosi motivi. Innanzitutto è la prima volta che vediamo sia la luce, sia le onde gravitazionali di un evento astronomico – e quindi, la prima volta in cui riusciamo a sapere esattamente dov’è la sorgente dell’evento gravitazionale. In secondo luogo, ha dimostrato che è la fusione di stelle di neutroni a generare almeno alcuni degli eventi più potenti e misteriosi dell’universo, i lampi di raggi gamma. Senza le onde gravitazionali non avremmo mai conosciuto la natura dell’evento, infatti: sono loro ad averci detto che quel lampo era associato alla collisione di questi due oggetti. Infine lo studio dell’evento suggerisce che siano queste fusioni di stelle di neutroni a produrre gran parte degli elementi pesanti(tra cui oro, platino e uranio).

a cura di Maria Parente

Tags from the story
Written By
More from la redazione

L'on. Giulietti chiede la rimodulazione delle risorse del programma "6.000 Campanili"

  L’on. Giampiero Giulietti ha sottoscritto l’interrogazione a risposta urgente che invita...
Read More