29 Settembre 2022, giovedì
Home News Da smartphone a social, tecnologie minano la salute dei teenager

Da smartphone a social, tecnologie minano la salute dei teenager

Smartphone, social, videogame: è il fuoco incrociato che minaccia la salute degli adolescenti di oggi che, alle prese con queste e altre tecnologie, perdono preziose ore di sonno che mettono a repentaglio lo sviluppo stesso del loro cervello, li mettono a rischio di impulsività e possono favorire l’insorgere di disturbi psichici nel caso vi sia una predisposizione latente del giovane.
È l’allarme lanciato da Claudio Mencacci, Direttore Dipartimento Neuroscienze e salute mentale dell’ASST FBF-Sacco di Milano, autore, insieme a Gianni Migliarese, psichiatra del FBF, del libro “Quando tutto cambia. La salute psichica in adolescenza” (Pacini Editore) presentato a Milano. Gli adolescenti tendono a dormire meno di 6 ore almeno il 10% delle notti. A 18 anni il 75% dei ragazzi dorme meno di 8 ore e solo il 3% dorme più di 9 ore, spiega Mencacci. La deprivazione di sonno, specie se cronica, può produrre conseguenze a lungo termine in termini di formazione dei circuiti cerebrali.
Un’altra minaccia per lo sviluppo cerebrale dell’adolescente, afferma Migliarese, è l’esposizione a sostanze stupefacenti; il 33% degli studenti italiani, circa 800.000, ne ha provata almeno una tra alcool, cannabis, vecchie e nuove droghe. Tutte le molecole psicotrope impattano in modo significativo sulla maturazione cerebrale dell’adolescente, con livelli di gravità che differiscono da sostanza a sostanza e da modalità di assunzione.

download

Adolescenti, uno su dieci è globalmente insoddisfatto della propria vita; il pericolo è che le fragilità tipiche di questo delicato periodo di vita sfocino in veri e propri disturbi psichici. E’ quanto emerge da una nota stampa che anticipa alcuni dei contenuti anticipati oggi a Milano dove è stato presentato il volume “Quando tutto cambia. La salute psichica in adolescenza” scritto da Claudio Mencacci, Direttore Dipartimento Neuroscienze e salute mentale dell’ASST FBF-Sacco di Milano e Gianni Migliarese, psichiatra presso il FBF di Milano. “In Italia abbiamo oggi circa 8 milioni e 200 mila giovani tra i 12 e i 25 anni. Di questi – spiega Mencacci – circa il 10% (dati ISTAT) si dichiara globalmente insoddisfatti della loro vita, delle loro relazioni amicali, familiari e della loro salute. I dati epidemiologici nazionali e internazionali riscontrano tassi simili di ragazzi con manifestazioni depressive o sintomi d’ansia. È a questi 800 mila giovani che bisogna prestare attenzione facilitando il riconoscimento di tutti quei fattori ‘tossici’ che possono favorire l’esordio e il mantenimento di patologie psichiche”. Su queste condizioni è poi necessario intervenire per tempo, visto che i trattamenti precoci, grazie all’elevata plasticità del cervello nel periodo adolescenziale, sono associati ad ottime risposte cliniche

a cura di Maria Parente

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Protestano i panificatori campani a Napoli, in piazza del Plebiscito: “ No, al rischio aumento del pane”

A cura di Luigi Rubino Con il caro bollette di luce e gas, ci saranno inevitabili conseguenze anche sull’aumento...

Omicidio professore a Melito: in stato di fermo collaboratore scolastico

A cura di Luigi Castiello Non è ancora chiaro il movente riguardo l'omicidio del professore di sostegno Marcello Toscano trovato morto con...

Secondo quanto stabilito da Arera, dal 1° ottobre la bolletta dell’elettricità salirà del 59%

COMUNICATO STAMPA DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI DEL 29-09-22 Energia: Arera, elettricità +59% Arera: Unc, rialzo record, stangata...

Programmi TV per oggi 29 settembre 2022

Sei indeciso su cosa guardare in TV stasera? Di seguito ecco la programmazione TV completa per tutte le principali reti italiane.

Commenti recenti