25 Luglio 2021, domenica
Home News Formigoni divorzia da Alfano: "Ora dialogo con Berlusconi"

Formigoni divorzia da Alfano: "Ora dialogo con Berlusconi"

“Abbiamo governato 4 anni con il Pd per necessità istituzionale, come ha fatto la Merkel per 5 anni con la SPD. Ma la nostra identità era e rimane moderata, popolare, liberale. Ora ci presenteremo alle elezioni in alternativa al Pd e a M5S. Costruiremo una componente centrista ancorata al Ppe, approfondendo da subito il dialogo con gli altri movimenti centristi, da Fitto a Cesa a Parisi ecc… e in prospettiva andando al dialogo con Forza Italia, partito che come noi aderisce al Ppe, e con il centrodestra”. Con una nota al termine della Direzione nazionale di Ap Roberto Formigoni sancisce la separazione consensuale dal partito di Angelino Alfano e annuncia la creazione di un nuovo soggetto politico centrista, nel solco del Ppe, alternativo a Matteo Renzi e Beppe Grillo, che guarda al centrodestra.105944715-e8de0b27-b61f-482a-b0f3-8d294a10047d.jpg

“Oggi – scrive Formigoni – in direzione di Alternativa Popolare abbiamo deciso di separarci consensualmente: alcuni colleghi andranno con il Pd. Altri, noi – sono certo che abbiamo il sostegno della maggioranza degli elettori – scegliamo la prospettiva dell’alternativa al Pd che ho appena descritto”.

a cura di Maria Parente

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass tra gioie e dolori: l’economia, forse, riparte

Con l'indice Rt che schizza a 1,26 l'approvazione del green pass è l'àncora di salvezza per numerose attività che hanno sofferto la...

Comunicato stampa: Premio Castello Sotto Le Stelle 2021

Aci Castello. Grande attesa per il Premio Castello Sotto Le Stelle 2021, in programma giovedì 22 luglio alle...

Tokyo: Buongiorno Italia; via alle gare, Malagò parla al Cio

A due giorni dalla cerimonia inaugurale, Tokyo 2020 è già partita con il prologo delle sue gare e a dare il via...

Letta tira dritto sul ddl Zan e il Pd fa muro contro gli attacchi di Renzi

Dalla giustizia al ddl Zan, Matteo Renzi ha ormai messo nel mirino il Partito Democratico e il suo segretario, Enrico Letta.

Commenti recenti