17 Aprile 2021, sabato
Home News Legambiente e Greenpeace sorveglieranno con un’imbarcazione il trasferimento della Concordia

Legambiente e Greenpeace sorveglieranno con un’imbarcazione il trasferimento della Concordia

ISOLA DEL GIGLIO – Che garanzie “meteo” possono esserci per un viaggio che dura ben 5 giorni? Chi e come monitorerà le acque luride dentro il relitto e gli interscambi con l’ambiente esterno, il tanto ammirato Santuario dei Cetacei? Chi vigilerà sul rispetto delle norme comunitarie durante le operazioni, non facili, di smaltimento? A cosa serviranno due poli per la rottamazione a pochi chilometri di distanza? Con queste domande Greenpeace aveva accolto la decisione da parte del Governo di demolire la Concordia a Genova. Ma questi interrogativi sono rimasti senza risposta, allora l’associazione ambientalista, assieme a Legambiente, ha deciso di rimboccarsi le maniche e darsi da fare vigilando attivamente sulla situazione.

NON FINISCE QUI – Greenpeace e Legambiente hanno dichiarato: “Abbiamo deciso di attrezzare un’imbarcazione comune con la quale seguiremo il convoglio che rimorchierà la Costa Concordia dal Giglio a Genova. Il nostro obiettivo è vigilare affinché le operazioni di trasferimento del relitto avvengano in modo sicuro e senza rischi per l’ambiente. Verificheremo che non avvengano rilasci di sostanze inquinanti durante il trasporto. Nei serbatoi della nave si trova ancora una grande quantità di idrocarburi e altre sostanze dannose in grado di minacciare l’ecosistema marino. La vicenda della Concordia non si chiude comunque con la rimozione e lo smantellamento del relitto. Dai prossimi giorni lavoreremo per pretendere dalla società il ripristino dello stato dei fondali del Giglio, la bonifica delle opere, la rimozione del cantiere e soprattutto il risarcimento del danno ambientale.”

UN’IMBARCAZIONE SPECIALE – L’imbarcazione scelta dalle due associazioni non è una qualunque. Infatti Greenpeace e Legambiente hanno deciso che seguiranno via mare le operazioni a bordo di una delle imbarcazioni della Fondazione Exodus di Don Antonio Mazzi che nella sua sede all’Isola d’Elba propone programmi educativi rivolti a ragazzi in difficoltà. Stavolta però ad essere in difficoltà è l’ambiente, e le associazioni hanno risposto immediatamente al suo grido d’aiuto.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Il Presidente dei Circoli Insieme per il Meridione Tiziana Demma nominata dal M.I.R.E. “Ambasciatore Mondiale per le aggregazioni politiche

Siglato accordo tra M.I.R.E. e Circoli Insieme per il Meridione  “Le Comunità italiane all’estero rappresentano un grande e importante...

Europa League. Roma, è semifinale!

La Roma è in semifinale di Europa League. Dopo 180 minuti, tra andata e ritorno, i giallorossi (per la sesta volta nella...

Giudicate Voi, domenica 18 aprile in onda la tredicesima puntata

Domenica 18 aprile in onda una nuova puntata di “Giudicate Voi.” Giudicate voi è il talk show di approfondimento...

Giovannini: “50 miliardi per trasporti e infrastrutture, metà al Sud”

Il ministro dei Trasporti e delle mobilità sostenibili Enrico Giovannini sostiene: “nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture...

Commenti recenti