28 Febbraio 2021, domenica
Home News Voluntary disclosure, capitali italiani inglobati

Voluntary disclosure, capitali italiani inglobati

Un’unica voluntary disclosure per tutti i capitali. Nessuna distinzione tra le somme detenute all’estero non dichiarate al fisco e quelle sommerse in Italia. Per tutte le tipologie di riemersione, però, resta fermo il pagamento integrale delle imposte, nel caso in cui si tratti di formazioni o di aumenti di capitale ancora i annualità accertabili. Questo il nuovo contenuto dell’art.1 del ddl sul rientro dei capitali presentato, ieri, in Commissione finanze alla Camera dal relatore Giovanna Sanga (Pd). La nuova versione presentata dal relatore abbatte, quindi, la distinzione esistente tra la procedura prevista per il rientro dei capitali all’estero e il ravvedimento operoso speciale che era stato strutturato per l’emersione dei capitali in Italia (si veda ItaliaOggi del 5 giugno 2014). La nuova versione prevede di sostituire le integrazioni delle dichiarazioni dei redditi non veritiere, o le nuove dichiarazioni, che sono indicate nell’attuale versione del testo come lo strumento per regolarizzare le posizioni, con un apposito modello dichiarativo predisposto dall’Agenzia dell’entrate che, già nei giorni scorsi, si era detta disponibile ad analizzare «una per volta» le istanze. Resta quindi da vedere come l’impianto della voluntary disclosure sarà modificato. È stato, infatti, fissato per la mattina di lunedì 30 giugno il termine ultimo per la presentazione delle nuove proposte a cui farà seguito il vaglio di ammissibilità delle proposte e, successivamente, le votazioni. Sul tavolo, però, sono ancora molte le questioni aperte. Una su tutte quella relativa all’introduzione del reato di autoriciclaggio. La norma, la cui ultima formulazione è stata presentata da Marco Causi (Pd) nei giorni scorsi, continua a essere al centro di un dibattito senza fine tra il ministero dell’economia e delle finanze e il ministero della giustizia. Da un lato, infatti, c’è chi ritiene che, trattandosi di una disposizione che ha a che fare con il settore finanziario debba essere introdotta attraverso l’iter di un ddl attinente per materia anche se, per stessa ammissione del relatore Sanga, «ancora sul punto non abbiamo raggiunto un accordo».

Sponsorizzato

Ultime Notizie

“Giudicate Voi”, domenica 28 febbraio in onda la sesta puntata

Domenica 28 febbraio in onda la sesta puntata di “Giudicate Voi“, popolare talkshow di informazione giornalistica giunto alla quinta edizione. Ospiti di puntata...

Agguato in Congo, le autorità locali sapevano del viaggio dell’ambasciatore Attanasio

E' sempre più fitto il mistero che avvolge l'atroce destino di Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci: dopo la loro uccisione il ministero...

Apple VS Altroconsumo, ma… in tribunale

Insieme a Euroconsuumers, il gruppo di organizzazioni di consumatori europee nel gennaio scorso è stato avviato una class action contro Aplle per...

Autostrade, Atlantia: la holding avvia una trattativa

Il cda di Atlantia dopo un'attenta valutazione dell’offerta di Cassa depositi e prestiti-Blackstone-Macquarie di 8 miliardi per l’88% di Autostrade per l’Italia ha reputato...

Commenti recenti