15 Luglio 2024, lunedì
HomeMondoFrancia: c’è una maggioranza?

Francia: c’è una maggioranza?

A cura del Prof. Avv. Giuseppe Catapano

Il verdetto delle urne si è pronunciato, ma le incertezze restano grandi come sempre. Né il Nuovo Fronte Popolare (circa 190 seggi), né il campo presidenziale (circa 160 seggi), né la RN e i suoi alleati (più di 140 seggi) possono, da soli, raggiungere i 289 deputati necessari per una maggioranza assoluta. A sole tre settimane dalle Olimpiadi di Parigi, il primo ministro uscente Gabriel Attal dovrebbe rassegnare le proprie dimissioni a Emmanuel Macron questa mattina, anche se ha dichiarato di essere pronto a rimanere a Matignon “finché il dovere lo richiederà” nel contesto delle Olimpiadi.

Anche la posizione del Presidente della Repubblica è molto attesa, perché è lui che ha il potere di nominare il Primo Ministro. Questo processo potrebbe richiedere molto tempo, in attesa di un ipotetico accordo tra diverse forze politiche su un candidato per Matignon e su un programma. A meno che non opti per un governo tecnico sul modello italiano, o che la sua squadra uscente acceleri gli affari correnti nel breve periodo.

Il campo presidenziale presenterà “le precondizioni per qualsiasi discussione” al fine di assicurarsi una maggioranza, ha avvertito il capo di Renaissance Stéphane Séjourné, mentre l’Eliseo ha giocato d’anticipo, affermando che il capo di Stato “aspetterà che la nuova Assemblea nazionale sia strutturata prima di prendere le decisioni necessarie”.

L’equazione è praticamente insolubile. Senza una parte della sinistra, i macronisti non saranno in grado di governare. Ma senza una parte dei macronisti, nemmeno il Nuovo Fronte Popolare avrà successo… Il problema è che il campo presidenziale ha chiarito che non si alleerà con La France insoumise, ipotesi scartata anche dal movimento di Jean-Luc Mélenchon.

Anche guardare ai Repubblicani, che hanno retto molto bene con una sessantina di eletti nonostante l’adesione del loro leader Eric Ciotti alla RN, potrebbe rivelarsi uno sforzo sprecato: Laurent Wauquiez, tornato sulla scena nazionale con la sua elezione in Haute-Loire, ha avvertito che “non ci sarà alcuna coalizione o compromesso” da parte della LR. “Questa alleanza contro la RN porta a una forma di paradosso istituzionale. Gli elettori si sono mobilitati e hanno risposto a questo appello, ma per produrre una Francia ingovernabile in questa fase”, analizza il politologo Martial Foucault (Cevipof) per AFP.

A sinistra, i leader del Nuovo Fronte Popolare sono nuovamente chiamati a superare le loro differenze, al centro di un’alleanza tanto ampia quanto eterogenea, da Jean-Luc Mélenchon a Raphaël Glucksmann; dall’antifa Raphaël Arnault all’ex presidente François Hollande, eletto in Corrèze. Sebbene l’equilibrio di potere tra i gruppi politici dell’ex Nupes sia stato ristabilito, gli Insoumis rimangono il gruppo più numeroso della sinistra, con circa 75 deputati rispetto ai circa sessanta dei socialisti, ai circa trenta degli ecologisti e ai circa dieci dei comunisti. Tuttavia, i “frondeurs” che stanno divorziando da LFI, come Clémentine Autain e François Ruffin, non siederanno con i loro ex colleghi.

Jean-Luc Mélenchon ha ribadito che Emmanuel Macron deve “lasciare o nominare un primo ministro” del Nuovo Fronte Popolare. Glucksmann, invece, è stato molto più aperto: “Dovremo parlare, dovremo discutere, dovremo dialogare” di fronte a questa Assemblea “divisa”, ha spiegato il presidente di Place publique.

Il programma del PNF, che va dall’abrogazione della riforma delle pensioni a un salario minimo di 1.600 euro, non sembra molto compatibile con le ambizioni del campo presidenziale.

Allo stesso tempo, si discuterà della distribuzione dei gruppi politici e dell’assegnazione dei posti chiave nell’Assemblea Nazionale, con l’elezione del suo futuro presidente il 18 luglio. L’attuale presidente Yaël Braun-Pivet, rieletta nelle Yvelines, continua a credere che vincerà il seggio.

Il Rassemblement National, invece, è amareggiato, con un punteggio ben al di sotto delle proiezioni fatte tra i due turni, che vedevano il partito lepéniste al primo posto. A 28 anni, il presidente del movimento Jordan Bardella deve riconoscere il fallimento del suo “piano Matignon”, che si è scontrato ancora una volta con il “fronte repubblicano” nonostante un netto aumento dei seggi. Ma la vittoria del RN è “solo differita” e “la marea (…) continua a salire”, ha auspicato Marine Le Pen, ancora in corsa per le presidenziali del 2027.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti