4 Dicembre 2023, lunedì
Home Italia CONTI DI SUCCESSO!

CONTI DI SUCCESSO!

A cura di Carla Cavicchini

Carlo Conti è una persona… diciamo prima persona e poi presentatore, vera, schietta, altamente ironica come quando osserva che prima ‘godeva’ di meno anni e più capelli! Rimane tuttavia sempre un bel tipo, perennemente abbronzato grazie al sole di Castiglioncello che ‘prende’ –  quando gli è possibile –  da inizio estate sino a ottobre tempo permettendo. 

Sempre pronto alla  battuta coi tempi giusti, brilla come una stella a “Tale e quale Show” chiedendoci … così, per gioco, se prima o poi anche lui entrerà dall’altra parte, nella pista degli imitatori prendendosi in giro bonariamente  da quel da quel toscanaccio che è.

Embè l’ironia è  la dote delle persone intelligenti e quindi… beato chi ce l’ha!

Nella trasmissione Rai “La conferenza stampa”incalzato dai giovani  vari  -oltre 400-  che si improvvisano giornalisti per caso divertendosi assai, Conti appare  decisamente sicuro di sé infilato nella sua bella  zip turchese con maglia bianca candida sotto. L’attenzione è alta. Passioni? Cominciamo con quella del  calcio visto che ce  l’ha nel sangue. Una  giovanissima morettona dai capelli fluenti, gli chiede  dell’argentino Batistuta nonché di quanto ha goduto sulle smitragliate di ‘Batigol’

“Ero allo stadio quando segnò l’ultima rete. A lui diremo sempre grazie. Grazie perché ci ha fatto godere. Fece l’ultimo goal con la Fiorentina dentro la rete rimanendo poi  disteso dentro la porta, commosso. Commosso  poiché cosciente che quella sarebbe stata l’ultima partita per poi andare ad una squadra romana. Un grande, grande campione che ha legato il suo cuore e la sua maglia a Firenze.”

Rimanendo in tema gli chiedono il suo coro preferito della Fiorentina. 

“Oddio non mi dilungo troppo  anche perché mi sa che cerchi pioggia” – ridono tutti – e via all’intonazione  – un pochetto stonato il Carletto!!! –   su due refrain  famosi che campeggiano in campo. Nel frattempo i ragazzi tra i 14 e 20 anni colmi d’adrenalina in corpo, non si fermano: chiedono parola precipitosamente sulle amicizie più care, su come si fa carriera, ed ancora su  quello che più li solletica.

Un fanciullo  che somiglia un po’ a  Francesco Nuti, gli  domanda del suo collega Fabrizio Frizzi prematuramente scomparso.

“Mi chiamava “Babbo Carlo” con grande affetto seppur in maniera scherzosa. Succedeva durante i miei momenti consolatori senza mancare di  ricordare  la sua risata unica e contagiosissima. Personalmente ho sempre osservato che il nostro è un mestiere da fare in grande leggerezza nonostante lui, diversamente da me durante momenti più difficili… un pochetto se la prendeva. Da qui “Babbo Carlo.” Lo invitai per “Tale e quale show”, ci pensò bene rispondendo poi che ci saremmo divertiti come matti. Non sbagliò! Quando andai a Sanremo lo scelsi per l’alternanza all’Eredità’ giocando insieme con le chiavi di studio. Questo  passandocele giocosamente tra noi. Logico osservare il mio momento decisamente brutto –  uno dei più brutti –  quando ritornai all’Eredità’ proprio in quello stesso studio dove Fabrizio ha lasciato un vuoto immenso. E non nascondo che il gioco del passaggio delle chiavi, mi ha fatto riprendere la trasmissione  con grande, grande fatica.

E  risento ancor adesso la sua risata altamente contagiosa. Fabrizio era un vero e proprio signore, di una generosità più unica che rara nella sua straordinaria umanità.”

Quanto alla professionalità…

“Su questo non si scherza proprio. Non è con un ‘reality’ che diventi famoso ma con tanta,  tanta gavetta se non vuoi essere una meteora. Ed io con Pieraccioni, Ceccherini e Panarello, ne abbiamo fatta, ma tanta davvero! E’ fondamentale  credere nel nostro mestiere facendolo bene. Rammento che ogni serata era diversa: quando tanti tanti, spettatori,  quando pochi. Pensa  te che una volta con Panariello in uno spettacolo a Grosseto, l’incasso fu inferiore alle multe prese avendo messo le automobili in divieto di sosta. Ed ancora. Sempre in Toscana in provincia di Grosseto, trovammo solamente  sette spettatori seduti  in un teatro grandissimo: non ci restò quindi che divenir loro amici! E quella volta invece che vennero a vederci 7000 persone a Pistoia? Vuoi sapere il motivo? Semplicissimo! Mentre precedentemente  i primi sette avevano pagato, quelli invece decisamente più numerosi, accolsero l’invito d’entrare gratuitamente. Ecco, in qualsiasi situazione, nel bene e nel male, impari,  insegnandoci come far ridere con tali numeri,  visto che è molto più difficile lavorare per numeri bassi, come appunto quei sette!”

Che siano stati i “Magnifici 7?” I sette uomini d’oro?

Il finale verte  adesso sui vari momenti vissuti, in particolare su quelli  migliori nonché  peggiori.

“Ehhh…inutile nascondere che rimangono ben impressi nella mente, tanto che alla prossima ‘berlina’ ne  racconterò ancora.”

Sorridono i ragazzi dall’Auditorium mentre Carlo Conti dal consueto piglio forte e determinato, esce velocissimo. Altre vite, altre storie, ci attendono.

“La conferenza stampa” è una produzione RAI CONTENUTI DIGITALI E TRANSMEDIALI, con programma di Giovanni Benincasa realizzato con Francesco Mileto, Vittorio Simonelli e Giulio Somazzi.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Oroscopo per oggi 4 dicembre 2023

Ariete: Ariete, il tuo sistema di valori può assumere oggi nuovi aspetti spirituali e idealistici. Fai attenzione alle decisioni...

Oroscopo per oggi 3 dicembre 2023

Ariete: Con cosa trascorri il tuo tempo? Questa è un'ottima domanda, soprattutto se stai cercando di migliorare la tua...

L’Italia verso uno New Deal con il continente africano

Sanasi D’Arpe: “L’importanza delle società pubbliche nella politica industriale”In occasione del Convegno “30 Anni di Consap, assicuriamo agli italiani un futuro migliore”,...

Oroscopo per oggi 2 dicembre 2023

Ariete: Ascolta il tuo intuito nella tua relazione. Oggi, potresti sentire il bisogno di essere più emotivamente connesso al...

Commenti recenti