1 Febbraio 2023, mercoledì
Home L'Opinione Come riconoscere il proprio valore? Risponde Dott.ssa Di Mambro Dolores

Come riconoscere il proprio valore? Risponde Dott.ssa Di Mambro Dolores

A cura di Ionela Polinciuc

Dott.ssa Di Mambro Dolores Pedagogista e docente: COME RICONOSCERE IL PROPRIO VALORE E COMUNICARLO AGLI ALTRI?

” Durante la vita acquisiamo conoscenze su noi stessi mediante continui cambiamenti ed esperienze
di vita, così che le opinione e pareri di amici, colleghi e parenti contribuiscono al ruolo di conferma
o disconferma sulla percezione del nostro valore, sperimentando imperativi legativi al valore
personale.
Tendiamo a vivere in una realtà dai rapporti fragili ed equilibri instabili, nei quali appare più
semplice demoralizzarsi che credere in se stessi e nel proprio valore. In alcuni momenti tendiamo
a svalutarci fino a perdere il rispetto per noi stessi, spesso determinato della mancanza di
autostima.
Riconoscere il proprio valore personale significa apprezzarsi, mettere da parte i timori, fallimenti,
difficoltà ricordandoci che siamo in grado di raggiungere determinati obiettivi solamente se si ha
fiducia nella propria persona mediante un buon livello di autostima.
Dall’interno di noi stessi si genera l’autostima e non da approvazioni ne riconoscimenti esterni.
Rappresentata dall’insieme di giudizi valutativi che ogni individuo ha di se stesso con la
caratteristica di essere una percezione prettamente soggettiva e in quanto tale mutevole e
dinamica nel tempo.
Un buon livello di autostima ci permette di amare e sentirsi amati.
Avere la certezza del proprio valore alimenta il coraggio di vivere, serve a superare i limiti che
ciascuno di noi si autoimpone, per timore ed insicurezze. Mentre la certezza di non avere valore
preclude la possibilità di una vita piena e soddisfacente.
Il mancato riconoscimento del proprio valore conduce l’individuo ad una sensazione di
inadeguatezza permanente con la costante paura di sbagliare e la tendenza di paragoni e confronti
con le altre persone.
L’aspetto positivo è che la sicurezza per il riconoscimento della propria pregevolezza può essere
costruito mediante un percorso di crescita fatto di piccoli e costanti accorgimenti.
In sintesi riconoscere il proprio valore significa:

  • Essere sé stessi così come si è
  • Conoscere i propri limiti
  • Individuare i propri punti di forza
  • Ridefinire obiettivi e ideali
    Nel momento in cui ci si rende conto del proprio valore si è in grado di scegliere quello che ci fa
    star bene e inevitabilmente le relazioni con gli altri diventano più equilibrate e costruttive.
    La percezione valoriale di sé influisce anche sulla percezione che gli altri si formano di noi così,
    che volersi bene e avere fiducia in se stessi risultano presupposti essenziali che trasmettiamo
    agli altri alimentando il coraggio di vivere una vita soddisfacente.”
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Reato di istigazione al suicidio, pena e prescrizione: Dalla rubrica A.U.G.E., Avv. Luciana Ruggiero ci risponde

Avv. Luciana Ruggiero: Cos'è il reato di istigazione al suicidio: pena e prescrizione? Il codice penale all’art 580, prevede...

Ci sono regole per il Ponteggio in cortile privato?

Con l’esistenza dei diversi incentivi per la casa, in molti probabilmente si saranno trovati a domandarsi quali sono le regole per un ponteggio posizionato...

Liti condominiali e riforma della mediazione, quali novità?

Il 30 giugno 2023 entreranno in vigore le modifiche relative alla mediazione civile. Le principali novità introdotte, dal d.lgs. 149/2022 al d.lgs. 28/2010, si estendono anche ai condomini....

Cos’è il mutuo chirografario?

Il mutuo chirografario è un finanziamento che non prevede garanzie immobiliari. È un contratto fiduciario garantito esclusivamente da un documento sottoscritto dal...

Commenti recenti