28 Novembre 2022, lunedì
Home Consulente di Strada Conto corrente estero: va dichiarato al fisco?

Conto corrente estero: va dichiarato al fisco?

Se per un conto corrente nazionale non v’è alcun obbligo di dichiarazione, in quanto il fisco attraverso l’Anagrafe dei conti correnti può accedere e monitorare tutti gli spostamenti e le giacenze, quando si tratta di conti correnti esteri, relativi ad enti finanziari che non hanno residenza in Italia, il discorso può cambiare.

Infatti, i conti correnti esteri – ad esempio quelli riconducibili alle persone fisiche – devono essere dichiarati ai fini del monitoraggio fiscale, compilando il quadro Rw del modello dei redditi.

Questo obbligo, tuttavia, sorge in particolare al sopravvenire di almeno due condizioni:

  • quando la giacenza media ha superato 5 mila euro nell’arco di un trimestre
  • quando il conto corrente, anche per un solo giorno, ha superato l’importo di 15 mila euro.

Ebbene, in questi casi a partire dal superamento dei 5 mila euro di giacenza per il conto estero sarà dovuta l’Ivafe, pari al 2 per mille ossia allo 0,2% dell’importo alla fine dell’anno. 

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Capodanno fuori porta: idee viaggio

A cura di Marilena Lombardi La serata del 31 dicembre si avvicina e l’Italia offre molti posti dove poter...

Frana Ischia, Silvestro (FI): ”Stato di emergenza necessario, grazie a tutti i soccorritori”

'll Governo sta cercando di fare il massimo per la gravissima frana verificatasi ad Ischia. Lo stato di emergenza ed il piano...

Nuovi accordi con le compagnie petrolifere

Comunicato Stampa Nuovi accordi con le compagnie petrolifere: oltre 70.300.00 di euro di investimenti per gli Accordi disviluppo sostenibile....

Su Pos non c’è limite al peggio

COMUNICATO STAMPA DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI DEL 27-11-22 Unc: su Pos non c'è limite al peggio "Non...

Commenti recenti