30 Novembre 2022, mercoledì
Home News Trasporti. Incontro sindaci penisola sorrentina

Trasporti. Incontro sindaci penisola sorrentina

COMUNICATO STAMPA

Trasporti. Incontro sindaci penisola sorrentina, Eav e Regione Campania. Chiesti interventi radicali su infrastrutture e l’immediato potenziamento del servizio su gomma per studenti e lavoratori.     
Procedere speditamente al miglioramento infrastrutturale della linea della Circumvesuviana tra Napoli e la penisola sorrentina, nella quasi totalità dell’anno vera e propria “isola”, in assenza di collegamenti alternativi adeguati. In attesa di nuovi treni, avviare interventi sulle stazioni e lavorare per raggiungere adeguati standard sicurezza a bordo. Ancora, attivare un servizio di trasporto su gomma, finalizzato a venire incontro alle esigenze di studenti e lavoratori, in attesa della risoluzione dei tanti problemi che affliggono l’Eav. E’ quanto richiesto dai sindaci dei sei Comuni della penisola sorrentina, nel corso di un incontro che si è tenuto questo pomeriggio nella sede della Regione Campania, con il presidente della Commissione Trasporti, Luca Cascone, e il presidente dell’Eav, Umberto De Gregorio. “Ci siamo fatti portavoce per i nostri territori e per i nostri concittadini delle gravi e inaccettabili condizioni in cui versa il servizio della Circumvesuviana – spiegano i sei primi cittadini – Tra le proposte avanzate, l’istituzione di più linee direttissime tra Napoli e Sorrento, per chi ha necessità di raggiungere il capoluogo campano per ragioni di studio o di lavoro, il doppio binario tra Sorrento e Castellammare di Stabia, per decongestionare la mobilità interna della penisola, corse più frequenti tra Sorrento e Pompei, a vantaggio dei milioni di turisti ospiti delle nostre strutture, un migliore rapporto informativo con l’utenza da parte di Eav e Regione Campania, per comunicare tempestivamente eventuali difficoltà nell’espletamento del servizio”. Da parte loro, Eav e Regione Campania hanno evidenziato ai sindaci le gravi questioni legate ai bilanci dell’azienda, solo in parte risanati, e la questione delle gare in corso per l’acquisto di nuovi convogli, rallentate prima dall’emergenza Covid e poi dalla guerra russo-ucraina, che ha richiesto una delocalizzazione delle linee di produzione. 

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Il disturbo post traumatico da stress: testimonianza di una ragazza

A cura di Marilena Lombardi Il disturbo post traumatico da stress (PTSD) è una forma di disagio che si...

Alla scoperta di Praga

A cura di Ionela Polinciuc Considerata una delle città più belle d’Europa. Attraversata dal fiume Moldava, la città si...

Mobbing: la persecuzione psicologica sul lavoro

A cura di: DI MAMBRO DOLORES- DOCENTE E PEDAGOGISTA “Sei un incapace, non andrai da nessuna parte se lavori in questo...

Tragedia Ischia: Adesso indaga la Procura

A cura di Ionela Polinciuc A poche ore dalla tragica e devastante colata di fango e massi che ha...

Commenti recenti