6 Ottobre 2022, giovedì
Home News Crescent, Avv. Andrea Castaldo:'' Con la sentenza della Cassazione si chiude definitivamente...

Crescent, Avv. Andrea Castaldo:” Con la sentenza della Cassazione si chiude definitivamente una vicenda durata quasi 10 anni”

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione – presidente Ramacci in data odierna ha dichiarato inammissibili sia il ricorso presentato dalla Procura Generale di Salerno che i ricorsi presentati dalle parti civili, così confermando la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Salerno, che aveva riconosciuto la piena legittimità dell’operato dell’allora sindaco Vincenzo De Luca, oggi Presidente della Giunta Regionale della Campania, e di tutti gli altri, politici e tecnici, a vario titolo coinvolti nella vicenda relativa al complesso immobiliare “Crescent” e alla riqualificazione dell’area urbanistica circostante. I motivi di ricorso della Procura Generale di Salerno consistevano essenzialmente nella esistenza di un interesse concreto ad impugnare la sentenza di assoluzione della Corte d’Appello nonostante la sopravvenuta estinzione per prescrizione dei reati e nonostante i giudici di secondo grado avessero già escluso l’esistenza di detto interesse; inoltre, era stata richiesta la confisca del Crescent sul presupposto di una lottizzazione abusiva, tuttavia anch’essa esclusa già dal Tribunale e nel frattempo sopravvenuta la prescrizione, il che rendeva impossibile di fatto accertare l’illiceità delle condotte.
Il legale del governatore De Luca, Avv. Prof. Andrea R. Castaldo, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Con la sentenza della Cassazione si chiude definitivamente una vicenda durata quasi dieci anni, durante i quali è stato minuziosamente scandagliato ogni aspetto della vicenda Crescent. La piena legittimità dell’operato dei pubblici amministratori, nello specifico dell’allora sindaco De Luca e della Giunta, era stata già riconosciuta in Tribunale all’esito di una lunga e approfondita istruttoria e confermata dalla Corte d’Appello salernitana con l’assoluzione di tutti gli imputati. La pubblica accusa ha insistito nell’impugnare le decisioni dei giudici, nonostante la chiara assenza di vizi o difetti della motivazione. I Pubblici Ministeri avevano chiesto anche la confisca del Crescent, una misura che avrebbe comportato un danno incalcolabile alle casse dell’ente pubblico e ai proprietari degli immobili, richiesta per la verità eccessiva e tecnicamente infondata, alla luce delle sentenze. Leggeremo con calma le motivazioni della Corte Suprema, ma già il dispositivo, che addirittura ha dichiarato inammissibili e non rigettato i ricorsi, la dice lunga sulla erroneità dell’impostazione accusatoria e sulla temerarietà di certe scelte processuali. Di contro, vanno sottolineati la competenza, il rigore e la serenità con la quale i giudici salernitani di primo e secondo grado hanno trattato un processo difficile, refrattari a qualsiasi condizionamento di natura mediatica o dell’opinione pubblica».

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Questa è la vera Inter. Barcellona kapput

A cura di Luigi Rubino Uniti si vince. Nella  grande notte di Champions League, contro una avversario ostico come...

Prof.ssa Angela Procaccini: ’’ Vivere e lavorare all’insegna del Prossimo, della Cultura, della Legalità e della Solidarietà è un impegno che porto avanti ormai...

A cura di Ionela Polinciuc Con l’evoluzione della civiltà umana, alle abilità e competenze primarie (forza fisica, abilità, inventiva)...

Museo Novecento In occasione della FLORENCE ART WEEKpresenta PASSIONE NOVECENTODa Paul Klee a Damien Hirst

Museo Novecento  In occasione della FLORENCE ART WEEKpresenta  PASSIONE NOVECENTODa Paul Klee...

Petrolio: Opec+ taglia produzione

COMUNICATO STAMPA DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI DEL 5-10-22 Petrolio: Opec+ taglia produzione Unc: ora tutti inguaiati!

Commenti recenti