4 Febbraio 2023, sabato
Home Consulente di Strada Amministratore di condominio: difetto di rappresentanza

Amministratore di condominio: difetto di rappresentanza

Il Codice civile riconosce all’amministratore di condominio la rappresentanza processuale del condominio, strettamente connessa ai poteri allo stesso riconosciuti ed alla collegata rappresentanza sostanziale in base alla quale può intervenire a tutela dell’interesse comune del condominio sia per quanto riguarda i terzi sia contro gli stessi condomini.In poche parole: l’amministratore può agire in giudizio o essere convenuto in tutte le materie che riguardano le parti comuni dell’edificio e, più in generale, per le materie indicate nell’articolo 1130 del Codice civile, senza il permesso da parte dell’assemblea condominiale.Inoltre, l’amministratore può costituirsi in giudizio sia nei procedimenti delle proprie assegnazioni sia per impugnare un’eventuale sentenza svantaggiosa senza dover chiedere l’autorizzazione. In questo caso, siccome l’amministratore di condominio opera in difetto di rappresentanza, deve comunicare e farsi approvare dall’assemblea  il suo operato.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Oroscopo per oggi 4 febbraio 2023

Ariete (21 marzo-19 aprile) Potresti ottenere un carico di lavoro aggiuntivo sul posto di lavoro o potrebbe essere necessario...

La giusta mentalità per il successo personale: Risponde Dott.ssa Di Mambro Dolores

A cura di Ionela Polinciuc Dott.ssa Di Mambro Dolores - pedagogista e docente: La giusta mentalità per il successo...

Telefonata anonima annuncia attentato a Bologna

A cura di Ionela Polinciuc “A Bologna ci sarà un grave attentato per i fatti relativi a Cospito”. È...

I programmi in tv oggi, 3 febbraio 2023

Vediamo insieme cosa ci propone la programmazione televisiva di venerdì 3 febbraio 2023. FILM Su Rai 4 dalle...

Commenti recenti